VINCENZO SALEMME/ L’attore italiano al cinema con “Non si ruba a casa dei ladri” ospite di Fazio (Che fuori tempo che fa, puntata 20 novembre 2016)

- La Redazione

Vincenzo Salemme sarà ospite questa sera nello studio di Fabio Fazio su Rai 3. L’attore al cinema con ”Non si ruba a casa dei ladri” (Che fuori tempo che fa, puntata 20 novembre 2016)

Fabio_Fazio_LaPresse_R439
Fabio Fazio (Lapresse)

Vincenzo Salemme sarà ospite della trasmissione Rai Che  fuori tempo che fa, con Fabio Fazio. Il programma verte sull’intrattenimento degli spettatori, attraverso interviste e racconti degli ospiti in studio. Salemme, con molta probabilità, parlerà anche dei suoi ultimi progetti cinematografici, tra tutti il film “Non si ruba a casa dei ladri“, che è stato definito simpaticamente una commedia neorealista. La storia divertente è orientata sul tema della corruzione, specie politica. Con l’amico Massimo Ghini, Vincenzo Salemme si è divertito a girare il lungometraggio e a rilasciare interviste in merito, dal momento che è stato accolto con molto fervore dalla critica. Definendola una parabola umana, Salemme vuole sottolineare che la corruzione talvolta può contagiare anche gli onesti. Con lui sul set anche la talentuosa Stefania Rocca, la bella Manuela Arcuri e il mitico Maurizio Mattioli. Molto attivo anche a teatro, Vincenzo Salemme presenterà dal prossimo gennaio 2017 lo spettacolo “Una festa esagerata!“, che in realtà nasce da un’idea che da tempo gli frullava in testa. I suoi progetti, sempre molto goliardici e colorati, gli permettono spesso di raccontare in modo leggero e sopra le righe tutti i risvolti – talvolta negativi – dell’uomo. Non manca mai la chiave realistica con cui interpreta la piccola borghesia italiana.

La sua formazione, infatti, è classica. Prima il liceo e poi Lettere e Filosofia all’Università Federico II di Napoli. Sin dal 1976 Vincenzo Salemme ha lavorato con la Compagnia Teatrale di Tato Russo, mentre nel 1977 approda a Roma per collaborare con la compagnia di Eduardo De Filippo. Attore teatrale fin dalla primissima formazione, riesce a creare persino un’associazione culturale chiamata E.T., con la quale debutta a Roma e a gettare le basi di una compagnia teatrale personale e del tutto professionale dal nome Chi è di scena. Lo abbiamo visto chiaramente nelle più svariate commedie all’italiana, cinepanettoni come “A Natale mi sposo” e “Olè”, ma in pochi conoscono il suo lato serio, per così dire, che fa di lui un artista completo. Lo abbiamo visto anche in “Baaria” di Tornatore e “Isotta” di Maurizio Fiume, oltre che ne “Il tuffo” di Massimo Martella. Avrà sicuramente molto da dire durante la trasmissione Che fuori tempo che fa, la quale rappresenta un’ottima occasione per far conoscere il vero Vincenzo Salemme a coloro che lo hanno guardato sinora solo superficialmente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori