DELITTI INQUIETANTI/ Le curiosità sul film in onda su Rete 4 (oggi, 27 febbraio 2016)

- La Redazione

Delitti inquietanti, in onda stasera sabato 27 febbraio 2016 su Rete 4, a partire dalle ore 21,15. Il film narra di un agente dell’FBI è sulle tracce di un serial killer.

mediaset
La prima serata Mediaset di oggi

Scopriamo qualche notizia interessante sulla pellicola in onda oggi su Rete 4 alle ore 21,15, ‘Delitti inquietanti’. Alcuni aspetti curiosi di questo film riguardano il progetto iniziale e le modifiche effettuate in seguito. In principio la pellicola era più lenta, pertanto in seguito la Warner Bros ha deciso di adattarla e tagliare alcune scene, per renderla più in sintonia con gli altri film che hanno per protagonista Steven Seagal. Inoltre alcuni tagli sono stati fatti anche per questioni di budget. Tra le scene tagliate vi sono in particolare dei momenti comici e tragici che coinvolgono i due detective, nonché alcune scene di azione. Per finire, nella versione originale il protagonista non si chiamava Cole, ma Calhoun, mentre il suo compagno non aveva cognome Campbell, ma Leary; per finire anche Donald Cunningham in principio si chiamava Abraham. Durante la realizzazione di questa pellicola sono stati commessi alcuni errori, che si potranno notare durante la visione. Per curiosità, il sito “MovieMistakes.com” segnala che quando i due detective protagonisti si recano a cena al ristorante cinese, si vede Campbell che beve un drink tenendo il bicchiere con due mani, mentre nel fotogramma successivo usa solo la mano destra. Un altro errore si verifica nella scena in cui Cole e Campbell sono sulla scena del crimine di un motel: in un fotogramma vi è una donna che guarda in direzione opposta a quella in cui si trovano i detective, mentre in quello immediatamente successivo sta guardando proprio i due protagonisti. Invece nella scena in cui i detective si trovano in auto, si può vedere che inizialmente vi è un’auto blu fuori dalla finestra, mentre nel fotogramma successivo vi è una jeep. Si trovano errori anche verso la fine del film, quando vengono mostrati camion dei vigili del fuoco, nonostante non vi sia alcun incendio. Questi sono solo alcuni degli errori che sono stati commessi durante la realizzazione, ma che sono notabili solamente se si presta particolare attenzione. Per il resto, si consiglia la visione di questo film a chi è appassionato di storie poliziesche e soprattutto di scene di azione: Steven Seagal, insieme a Chuck Norris, è senz’altro un modello di riferimento per quanto riguarda questo genere di film, movimentato e ricco di scontri fisici.

Oggi, sabato 27 febbraio, in prima serata su REte 4 a partire dalle 21.15 va in onda “Delitti inquietanti”, film del 1996, diretto da John Gray. Il film vanta la partecipazione nel cast di importanti personaggi come Steven Seagal (che interpreta la parte del protagonista, il detective Jack Cole), Keenen Ivory Wayans (detective Jim Campbell), Nikki Cox (Milie) e molti altri. Data la presenza di Seagal, questa pellicola presenta anche molta azione. Questo film si apre con un quadro sul protagonista Jack Cole, un detective che inizialmente opera nella città di New York e che è famoso per essere particolarmente rapido e silenzioso nell’uccidere i criminali che tentano di tendergli una trappola. 

– Un detective lascia il suo incarico a New York e, convertitosi al buddhismo, non essendo a suo agio nel lavorare in una squadra, riesce a trovare lavoro individuale come detective a Los Angeles. Avrà solo un compagno, il detective Jim Campbell, con il quale ha alcune divergenze. Entrambi tuttavia dovranno presto allearsi quando saranno chiamati a risolvere un complicato caso che scuote tutta la città, e che vede la presenza di un serial killer particolarmente crudele e macabro, che si fa chiamare “L’uomo di famiglia”. Questo criminale ha l’abitudine di crocifiggere le vittime dopo averle uccise. Tra queste vi sono anche la ex-moglie di Cole e il suo nuovo marito. I due dovranno indagare e smascherare l’assassino, e nel frattempo per Cole arriverà anche il momento di riflettere su se stesso, la sua attitudine sociale nei confronti degli altri e le sue idee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori