DOLCENERA/ La coach più discussa pronta per le Battle (The Voice of Italy 2016, Ed.4 settima puntata 6 aprile)

- La Redazione

Dolcenera ha completato il suo team, composto da 21 elementi. Ora si prepara alla seconda fase del talent: le Battle (The Voice of Italy 2016, Ed.4 settima puntata 6 aprile).

voice_dolcenera
Dolcenera, coach di The voice of Italy 2016

Dolcenera a The Voice of Italy 2016 sta riscuotendo buon successo come coach dopo un inizio difficile. Il pubblico ha iniziato ad apprezzarne le grandi qualità e oltre al talento anche la simpatia. Oggi sulla pagina ufficiale di Facebook della cantante è stato pubblicato un post che ci racconta il suo ultimo successo. Dall’otto aprile, venerdì prossimo, in radio verrà trasmesso il suo nuovo singolo ”100 Mila Watt”. Staremo a vedere che risposta di pubblico avrà anche se stasera è tempo di ultime blind e quindi c’è da pensare ad altro. Clicca qui per la foto e per i commenti dei follower.

Questa sera, mercoledì 6 aprile 2016 ritorna l’appuntamento con il talent The Voice of Italy in onda su Rai Due per la conduzione di Federico Russo. Si tratta della prima puntata della fase delle Battle con i quattro coach chiamati a scremare i propri team al momento composti da 21 elementi. Tra i coach, la new entry Dolcenera si sta dimostrando molto efficace nell’accaparrarsi i migliori talent del programma. Prima di vedere cosa accadrà questa sera, ricordiamo cosa è avvenuto nell’ultimo appuntamento delle blind audition.

Il primo team a raggiungere quota 21 concorrenti è quello guidato da Dolcenera: la cantante salentina, sin dalle prime puntate, si è mostrata molto determinata nell’aggiudicarsi le migliori voci delle audizioni. Nell’ultima blind audition, Dolcenera ha conquistato gli altri due cantanti che sono andati a completare la sua rosa: si tratta di Rocco Fiore e di Mattia Sciascia. Il primo talento che ha scelto il team Dolcenera è stato Rocco Fiore: nella sua presentazione Rocco appare molto timido, 33 anni, batterista e originario di Potenza. Nella vita di tutti i giorni è un assicuratore, ma il suo sogno più grande è quello di fare il cantante: fino a qualche anno fa aveva messo su una band rock con cui ha girato tutta l’Italia e ha cantato anche sul palco del Festival Rock in Roma nel 2013, poi il batterista si è trasferito e il gruppo si è sciolto. Ma Rocco non molla e continua a suonare e a cantare da autodidatta: sul palco di The Voice of Italy 2016 si presenta con il brano Personal Jesus, nella versione di Johnny Cash, e fa girare tutte e quattro le poltrone dei coach che apprezzano la voce così profonda e groove. Ogni giudice usa le parole e le frasi migliori per aggiudicarsi quella voce così potente e unica, addirittura la Carrà si lascia andare ad un’esclamazione notevole, considerando Rocco la voce di questa edizione. Ma alla fine Rocco sceglie Dolcenera la quale, come al solito, l’ha colpito per le sue parole e la sua dichiarazione. Il secondo ed ultimo nome ad entrare nel team Dolcenera è quello di Mattia Sciascia. Il ragazzo non viene sin da subito mostrato al pubblico presente in studio e a casa perchè coperto dalla tanto odiata tenda. La sua voce, però, riesce ad andare oltre quel tendone e a colpire dritto al cuore i coach di The Voice anche se all’inizio sono molto titubanti e non sono sicuri se quella che stanno ascoltando sia la voce di una donna o di un uomo. Infatti, Mattia si presenta sul palco con il brano Kiss di Prince che ha al suo interno note molto alte e un registro quasi irraggiungibile da un uomo comune. Eppure Mattia riesce a raggiungere quelle note con perfezione e per lui si voltano solo le coach donne, ovvero la Carrà e Dolcenera. Senza alcuna esitazione Mattia opta per Dolcenera perchè ha un’anima rock proprio come la sua.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori