BUFERA SU PORTA A PORTA / Hotel Rigopiano: Francesca Bronzi parla del fidanzato disperso, ma è già morto (Video, oggi 25 gennaio 2017)

Bufera su Porta a Porta per la puntata sull’hotel Rigopiano: Francesca Bronzi parla del fidanzato disperso, ma è già morto. Il video e tutte le ultime notizie di oggi, 25 gennaio 2017

25.01.2017 - La Redazione
porta_a_porta_logo_R439
Porta a Porta

Bufera su Porta a Porta dopo la messa in onda dell’intervista a Francesca Bronzi, sopravvissuta alla tragedia dell’hotel Rigopiano. Perché sono scoppiate le polemiche dopo l’ultima puntata della trasmissione di Bruno Vespa? Il disappunto dei telespettatori è emerso dopo l’intervento della ragazza, che ha parlato del fidanzato Stefano Feniello e della sua speranza di ritrovarlo vivo. Proprio in quei quei minuti arrivava purtroppo la conferma della morte del ragazzo, riconosciuto dal padre grazie ad un tatuaggio, ma la ragazza non poteva saperlo, perché l’intervista era stata registrata. «Stefano non parlava, ma si lamentava, io gli guardavo il polso facendo luce con la torcia del cellulare fin quando ho avuto la batteria carica» ha raccontato Francesca, che ha poi rivelato di aver avvertito almeno cinque scosse. La ragazza ha ammesso che tutti i clienti dell’hotel Rigopiano volevano andare via e che avevano ricevuto rassicurazioni. «Poi ho sentito un’esplosione. Non ho capito nulla… È uscito qualcosa dal camino» ha proseguito Francesca, travolta dell’esplosione e spinta a diversi metri di distanza. «Un boato. Una forza sovraumana. Ero in poco spazio, potevo girarmi solo sui fianchi. Di Stefano vedevo solo una mano. Gliel’ho tenuta, lui si lamentava. Poi non ricordo più nulla» ha aggiunto. I telespettatori, che già non avevano gradito la scelta di chiamare in causa una ragazza visibilmente scossa, si sono allora chiesti il senso di registrare l’intervista. Si parla anche di “circo mediatico” sui social network e ci si confronta sul fatto che quell’intervista sembra rappresentare una testimonianza dello scollamento tra la realtà e l’informazione. Clicca qui per il video dell’intervista.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori