LA PROVA DEL CUOCO/ Ricette puntata 3 gennaio 2017: Anna Serpe prepara una pizza rustica e Anna Moroni gli spaghetti con i broccoli

- La Redazione

La prova del cuoco, ricette della puntata di martedì 3 gennaio 2017: Anna Serpe prepara una pizza rustica Anna Moroni gli spaghetti con i broccoli, cos’altro è andato in scena?

antonellaclerici
Antonella Clerici, conduce La Prova del Cuoco

Antonella Clerici torna in scena con un nuovo appuntamento insieme a La prova del cuoco anche oggi, mercoledì 4 gennaio 2016: in attesa di scoprire quali ricette verranno presentante al pubblico, diamo uno sguardo a quello che è successo durante l’appuntamento di ieri su Rai 1. La puntata del programma di cucina La prova del cuoco di mercoledì 3 gennaio si è aperta con la sfida Anna contro Anna fra Anna Serpe e Anna Moroni. Il tema della giornata erano le verdure: Anna Serpe ha preparato una pizza rustica con salsiccia, besciamella e broccoli. I broccoli, dopo essere stati lessati, andranno passati un po’ di tempo in padella con la salsiccia, in modo tale che prendano la sapidità necessaria senza utilizzare troppo sale. Per dare consistenza allo sformato bisognerà utilizzare un uovo, che comincerà a cuocersi non appena entrerà in contatto con gli altri alimenti caldi, prima di andare nel forno per una ventina di minuti. Anna Moroni invece si è cimentata in un primo piatto tipico della Sicilia, gli spaghetti con i broccoli alla siciliana (vruoccoli ‘rriminati). La ricetta vuole che gli spaghetti vadano spezzati a metà prima di essere calati nell’acqua bollente. Per dare quel tocco in più ad un piatto già abbastanza saporito bisogna aggiungere un pizzico di curcuma, che permette di esaltare tutti i sapori degli altri ingredienti, questo il consiglio dell’ormai espertissima cuoca casalinga Anna Moroni, un’istituzione del programma condotto da Antonella Clerici.

Se vi fosse avanzato del cotechino nel corso della trasmissione sono stati forniti dei consigli per non sprecarlo e riutilizzarlo in ricette varie e fantasiose. Ad esempio si possono preparare delle tagliatelle al ragù di cotechino, che dovrà essere sgrassato, in modo da rendere il piatto più leggero. L’ideale è preparare della pasta fresca fatta in casa, semplicemente con farina, semola rimacinata e uova. Dopo la bollitura la pelle del cotechino verrà via facilmente, ma dovrete fare attenzione a non scottarvi. Dovrete tritare la carne, potete farla sia con il mixer ma anche al coltello. Con questa seconda alternativa i pezzi rimarranno più grossolani e si sentiranno di più al palato. Da abbinare al piatto è stato consigliato un vino rosso frizzante, che si sposa alla perfezione con i salumi e con la carne. La pasta andrà cotta il minimo in acqua leggermente salata e dovrà terminare la propria cottura in padella, risottando. Il piatto andrà insaporito con una spolverata di tartufo, che esalterà il gusto di un primo piatto da provare ad occhi chiusi.

Per quanto riguarda il cotechino di Modena, può essere abbinamento perfettamente anche ad un panino e utilizzato nell’alimentazione classica e non solo nel periodo natalizio. Per insaporire il cotechino o lo zampone si possono aggiungere, vino, lambrusco, spezie e qualsiasi cosa possa esaltare il sapore della carne. Da abbinare ad un panino con il cotechino si possono utilizzare dei carciofini, una mostarda di carote di origine mantovana e una spolverata di scorza di limone per dare la giusta dose di acidità. Impossibile non menzionare un altro prodotto tipico modenese, l’aceto balsamico. Solo poche gocce riusciranno ad elevare il gusto del cotechino o dello zampone e daranno vita ad un panino veramente speciale e dal gusto unico. Per quanto riguarda il dessert Ambra Romani ha proposto un’idea nuova e simpatica per una torta che piacerà senza dubbio a tutta la famiglia. La pasticcera ha affermato che è giusto seguire la moda americana nel preparare i dolci, ma italianizzandoli con i sapori nostrani: ad esempio con una torta al cioccolato, un savarin con cacao e arancia. Per l’impasto è stata consigliato la farina di manitoba, che si adatta meglio a questo tipo di preparazione. Inoltre prima d’impastare con la planetaria bisognerà controllare scrupolosamente che non ci siano pezzi di guscio d’uovo che rovinerebbero tanto lavoro. Non lesinate con la scorza d’arancia, che darà un profumo unico alla torta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori