DARIO BANDIERA/ Alla sua terza volta con i cinepanettoni (L’anno che verrà)

- Francesca Pasquale

L’attore siracusano protagonista nello show di fine anno, L’anno che verrà. Grande protagonista sul grande schermo con il cinepanettone di Massimo Boldi, Natale da Chef.

logo_rai_1
il film drammatico nel primo pomeriggio di Rai 1

ENTUSIASMANTI PERFORMANCE A TALE E QUALE SHOW

Il 47enne attore siciliano Dario Bandiera sarà sul palcoscenico del Capodanno di Rai 1 per lo show del 31 dicembre, L’anno che verrà. Per lui un occasione unica per mostrare il suo talento come personaggio televisivo ma anche come attore. È di pochi mesi fa la sua partecipazione a Tale e Quale Show dove ha preso il posto, a programma già iniziato, di Donatella Rettore che lo ha lasciato per motivi di salute e dove ha saputo mettere in scena grandi e entusiasmanti performance che gli hanno permesso di essere conosciuto ed apprezzato maggiormente dal piccolo schermo. La sua è una carriera che inizia in televisione nei primi anni novanta prendendo parte al varietà di Paolo Bonolis, Beato tra le donne, per poi diventare popolare e farsi conoscere meglio con le sue imitazioni al Maurizio Costanzo Show. Qualche anno più tardi entra nella trasmissione di Rai 1 La Pista. Approda quindi al grande schermo dove entra nel cast di Manuale d’amore 1 e Manuale d’amore Capitoli successivi, diretti da Giovanni Veronesi. La partecipazione a questi film gli ha permesso di ottenere la candidatura ai Nastri d’argento come miglior attore non protagonista.

DARIO BANDIERA, “IO VADO A ISTINTO, FACCIO TUTTO COSÌ”

Da qualche settimana invece, Dario Bandiera è protagonista in tutte le sale italiane con Natale da chef, film diretto da Neri Parenti che vede come protagonista il grande e popolare comico, Massimo Boldi, Enzo Salvi, Paolo Conticini, Francesca Chillemi, Rocio Munoz Morales e lo stesso Dario Bandiera. In questo classico di Natale e cinepanettone 2017, l’attore siciliano veste i panni di Filippo Tosti, un personaggio sopra le righe e alquanto volgare che decide di fare il sommelier pur essendo astemio e non sopportando l’odore del vino. In una recente intervista rilasciata al portale spettacolomania.it, Dario Bandiera parla di come ha deciso di partecipare a questo genere di film, di cui ora è a quota tre : “All’inizio non li volevo fare, poi ho fatto il primo e mi sono talmente divertito che ho detto va bene, li faccio. A Natale si va molto al cinema e visto che succede un casino nel mondo, quell’oretta e mezza stai rilassato”. Svela poi di cavarsela molto bene in cucina essendo nella vita reale figlio di chef: “Io vado a istinto, faccio tutto così”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori