BICE VALORI/ Il teatro e gli ultimi anni (Techetechetè)

- Francesca Pasquale

La puntata di Techetechetè in onda questa sera nell’access prime time di Rai 1, viene dedicata al ricordo di una straordinaria comica ed attrice italiana come Bice Valori.

bice_valori_wikipedia
Bice Valori a Techetechetè

BICE VALORI A TEATRO

Risalgono ai primi anni anni Cinquanta le prime esperienze teatrali di Bice Valori all’interno della stessa compagnia del marito. Nel 1950, la Valori compare nel cast de La dodicesima notte di William Shakespeare per la regia di Orazio Costa. Degne di nota le sue partecipazioni alle commedie musicali filmate Garinei e Giovannini, tra cui Rugantino, con Nino Manfredi e Aldo Fabrizi. Negli anni Settanta torna al fianco del marito Paolo Panelli per Aggiungi un posto a tavola e Accendiamo la lampada. Nel ’78 interpreta ancora Eusebia nella musical Rugantino, questa volta insieme a Enrico Montesano. Bice Valorì morì a soli 52 anni nel 1980, cinque mesi dopo il fratello Michele. Le sue spoglie riposano a Roma nel cimitero del Flaminio. (agg. di Rossella Pastore)

BICE VALORI E PAOLO PANELLI

L’amore tra Bice Valori e Paolo Panelli nacque tra i banchi… dell’Accademia. Dopo essersi diplomata attrice drammatica come il marito Paolo, si iscrisse alla facoltà di Lettere dell’Università di Roma. Dall’unione con Panelli, nel 1957, nacque Alessandra, anch’ella attiva in campo artistico. Qualche anno più tardi avvenne il suo debutto in televisione, all’interno dei contenitori ControcorrenteSenza rete e Oh quante belle figlie madama Doré. Fu proprio grazie alla tv che Bice Valori divenne nota al grande pubblico. Tra le altre partecipazioni televisive, ricordiamo quelle in Doppia coppiaMa che sera e Speciale per noi, condotto insieme a Paolo Panelli, Aldo Fabrizi e Ave Ninchi. (agg. di Rossella Pastore)

L’ESORDIO CON LUIGI ZAMPA

Nella puntata di questa sera del programma amarcord Techetechetè in onda su Rai 1, viene proposto un bellissimo ricordo di una grande attrice e comica italiana quale è stata Bice Valori. Memorabili sono stati i suoi sketch televisivi come nel caso della centralinista senza dimenticare i tantissimi film in cui ha recitato. Nata a Roma il 13 maggio del 1927, Maria Bice Valori, questo il suo nome completo all’anagrafe, è stata anche la moglie e compagna di mille spettacoli di un altro attore romano molto amato come Paolo Panelli. La Valori è scomparsa, purtroppo, anzitempo nell’anno 1980 a soli cinquantadue anni a seguito di un tumore. Nonostante venga ricordata soprattutto per le sue performance televisive, Bice Valori ha avuto modo di esordire nel mondo dello spettacolo nazionale al cinema ed in particola nel 1950 venne scelta dal regista Luigi Zampa per recitare nel cast del film È più facile che un cammello.. al fianco di grandi artisti dell’epoca come Jean Gabin, Marilla Lotti, Elli Parvo e Paola Borboni. Da segnalare che in questa pellicola si sta affacciando sul mondo dello spettacolo italiano anche un altro artista di spessore come Louis de Funes.

BICE VALORI, TANTI I FORMAT DI SUCCESSO

Nei primi anni Cinquanta, Bice Valori inizia a lavorare anche a teatro e soprattutto in televisione diventando poco alla volta una diva di prima grandezza chiamata a dare il proprio prezioso contributo in tantissime trasmissioni di successo che ancora oggi vengono ricordate come Senza rete, Doppia coppia, Speciale per noi e Ma che sera. La Valori ha anche preso parte a commedie musicali di successo come Rugantino al fianco di Nino Manfredi e Aldo Fabrizi per uno spettacolo di enorme successo che venne rappresentato anche in America, Aggiungi un posto a tavola e Accendiamo la lampada al fianco del marito Paolo Panelli. Tantissimi sono stati anche i film che hanno ottenuto un certo riscontro come nel caso del celebre Medico della mutua al fianco di uno straordinario Alberto Sordi, La bisbetica domata con la regia di Franco Zeffirelli, Rita la zanzara di Lina Wertmuller, 5 marines per 100 ragazze diretto da Mario Mattoli e l’indimenticabile Susanna tutta panna per la regia di Steno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori