Non essere cattivo/ Curiosità sul film con Luca Marinelli in onda su Rai 4 (oggi, 9 settembre 2017)

- Cinzia Costa

Non essere cattivo, il film in onda su Rai 4 oggi, sabato 9 settembre 2017. Nel cast: Luca Marinelli e Alessandro Borghi, alla regia Claudio Caligari. La trama del film nel dettaglio.

non_essere_cattivo_film
il film drammatico nella seconda serata di Rai 4

CURIOSITA’ SULLA PRODUZIONE DEL FILM

Una pellicola drammatica che è stata scritta e diretta da Claudio Cagliari che si è occupato anche della sceneggiatura con Francesca Serafini e Giordano Meacci mentre la produzione è stata gestita dalle aziende Kimerafilm, Rai Cinema, Taodue Film e Andrea Leone Film. Il montaggio della pellicola è stato realizzato da Mauro Bonanni con gli effetti speciali di Fabio Galiano e con la scenografia di Giada Calabria, la direzione della fotografia è stata curata da Maurizio Calvesi ed i costumi di scena portano la firma di Chiara Ferrantini ed il trucco dei personaggi è stato frutto del lavoro di Lidia Mini. La pellicola è stata prodotta in Italia nel 2015 con la durata di 100 minuti circa. Non essere cattivo completa un’ideale trilogia cominciata con Amore tossico nel 1983, vincitore di un premio speciale alla regia alla Mostra del cinema di Venezia, e continuata con L’odore della notte nel 1998. Il film è stato presentato fuori concorso il 7 settembre del 2015 alla 72a Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia. Fonte wikipedia

LUCA MARINELLI NEL CAST

Non essere cattivo, il film in onda su Rai 4 oggi, sabato 9 settembre 2017 alle ore 22.40. Una pellicola di genere drammatica che è stata prodotta nel 2015 ed è stata scritta e diretta da Claudio Caligari (Amore tossico, L’odore della notte, La parte bassa) mentre nel cast troviamo Luca Marinelli (Lo chiamavano Jeeg Robot, La grande bellezza, Tutti i santi giorni), Alessandro Borghi (Suburra, Il più grande sogno, Fortunata) e Roberta Mattei (La ragazza del mondo, Veloce come il vento). Si tratta del quarto ed ultimo lungometraggio diretto dal regista piemontese che, malato già da tempo, è morto poco dopo la fine del montaggio. Non essere cattivo è stato presentato fuori concorso al Festival del Cinema di Venezia del 2015, ottenendo il plauso della critica e vincendo numerosi riconoscimenti. Il film è stato selezionato come candidato italiano per gli Oscar del 2016, ma è stato poi scartato dalla short list. Ai David di Donatello il film ha ottenuto il premio come miglior sonoro ed è stato nominato praticamente in tutte le categorie, ottenendo ben 15 candidature. Purtroppo Claudio Caligari non ha potuto essere testimone del successo della propria creatura. Il regista è infatti deceduto poco dopo la fine del montaggio della pellicola, a causa di una malattia che lo affliggeva da tempo. Il lavoro sul film è quindi stato terminato dall’attore Valerio Mastrandrea, caro amico e collaboratore di Caligari. Ma vediamo nel dettaglio la trama del film.

LA TRAMA DEL FILM

Cesare (Luca Marinelli) e Vittorio (Alessandro Borghi) sono due carissimi amici nell’Ostia del 1995. I due sono spacciatori e consumatori abituali di droga e considerano questa vita un’alternativa alla grigia esistenza da manovale o operaio che il destino sembrava avere in serbo per loro. Cesare vive con la madre (Elisabetta De Vito) e la nipotina Debora (Alice Clementi). Quest’ultima è la figlia della sorella di Cesare, deceduta per AIDS. Anche la bambina è sieropositiva. Una sera Vittorio, dopo avere assunto una dose eccessiva di droga che gli causa pesanti allucinazioni, si rende conto che questo stile di vita lo porterà rapidamente alla morte e decide di cambiare. Trova così lavoro in un cantiere e comincia ad allontanarsi dalle rapine e dallo spaccio, ma non riesce a coinvolgere anche Cesare nel suo cambiamento. Lentamente entrambi cominciano però ad adattarsi a questa nuova vita, ma le ricadute nella droga sono sempre in agguato, soprattutto in momenti di forte stress. Quando la piccola Debora morirà a causa della sua malattia ci vorrà uno sforzo sovrumano per evitare di cercare conforto, ancora una volta, nella droga.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori