NCIS LOS ANGELES 9/ Anticipazioni 13 ottobre 2018: il padre di Callen verrà deportato in Russia ?

- Morgan K. Barraco

NCIS – Los Angeles 9, anticipazioni del 13 ottobre 2018, in prima Tv su Rai 2. Il padre di Callen rischia la vendita in Russia per salvare due ostaggi in Iran.

ncislosangeles_facebook_2017
NCIS - Los Angeles 8, in prima tv su Rai 2

NCIS – LOS ANGELES 9, ECCO DOVE SIAMO RIMASTI

Nella prima serata di oggi, sabato 13 ottobre 2018, Rai 2 trasmetterà un nuovo episodio di NCIS – Los Angeles 9, in prima Tv assoluta. Sarà il 16°, dal titolo “Guerriero di pace“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la settimana scorsa: in seguito allo scoppio di una piattaforma, Sam (LL Cool J) e Callen (Chris O’Donnell) scoprono l’esistenza di un edificio collegato a Keith Stiger (Matthew Atkinson). Quest’ultimo potrebbe aver trasportato nel Paese del materiale altamente pericoloso e forse usato per diversi tipi di attentato a grande portata. In un magazzino viene ritrovato poi un forte quantitativo di pallett che secondo Sam potrebbero essere stati usati per stoccare ulteriore materiale. Intanto, Hetty (Linda Hunt) si presenta al cospetto di Mosley (Nia Long), ma la sua iniziale cordialità si conclude con la seconda che sottolinea di essere il suo superiore. Mosley infatti crede che la fedeltà della squadra nei confronti di Hetty potrebbe crearle qualche problema a livello delle indagini. Eric (Barrett Foa) e Nell (Renée Felice Smith) invece scoprono che le tracce di materiale trovate nel magazzino corrispondono ad un recente attentato e che Stiger potrebbe essere collegato con l’ingresso di Kim (Melise) nel Paese.

Più tardi, i due analisti localizzano un furgone in particolare che Stiger potrebbe aver scelto per mettere in atto il suo piano, ma di cui si sono perse le tracce. Sam e Callen invece raggiungono Kim per scoprire qualcosa di più su Stiger: la ragazza crede che il criminale agirà al più presto, dato che ha abbandonato la sua identità di copertura. Una volta infiltrata Kim all’interno del gruppo di Stiger, Sam e Callen sono in grado di risalire a dove avverrà la parte finale del piano. I due agenti speciali rimangono però isolato rispetto al resto del gruppo, che deve adottare delle alternative per riuscire ad individuarli. Kensi (Daniela Ruah) e Deeks (Eric Christian Olsen) però non si danno per vinti ed in poco tempo riescono ad unirsi ai compagni per impedire a Stiger di mettere in atto il suo piano. Il criminale però decide di farsi uccidere da Callen per impedire la propria cattura. Più tardi, Hetty fa notare alla Mosley che la squadra ha rispettato i suoi ordini, mentre la vice direttrice le ricorda che la sua presenza nel quartier generale non ha nulla a che fare con attacchi personali. Le ricorda però che la squadra potrebbe presto essere sciolta. Kim invece viene fatta ritornare al rifugio, dove in seguito riceve la visita di Sam e Callen. Solo in quel momento la squadra scopre che la ragazza è la figlia di Granger e che dopo la fuga in ospedale l’ha raggiunta alla baita ed è rimasto con lei per una settimana. Li porta poi nel punto preciso in cui ha sepolto il suo corpo, al di sotto dell’albero che raggiungeva ogni giorno. 

ANTICIPAZIONI DEL 13 OTTOBRE 2018

EPISODIO 16 – Il padre di Callen sta giocando in tranquillità con il nipote quando il Dipartimento di Stato si presenta a casa di Alex per arrestarlo. Callen cerca di fermarli, ma il genitore accetta di seguire gli agenti. Nel frattempo, Deeks si accorge che stanno spuntando dei capelli grigi. Callen si precipita in ufficio poco dopo per chiamare ogni suo contatto che possa rilasciare il padre. Viene interrotto però dall’arrivo di un nuovo caso: Ann e Jeremy Tyler stavano viaggiando verso l’Iran quando sono stati catturati perché considerati delle spie della CIA. L’Iran ha inoltre offerto uno scambio: la liberazione della coppia in cambio della consegna del padre di Callen. Quest’ultimo è invece sicuro che dietro l’operazione ci sia la Russia, che per anni ha tenuto in scacco l’ex spia e che prevede una spedizione di armi per spingere l’altro Paese a cedere il futuro prigioniero. Secondo Mosley lo scambio non può essere fermato: è già stato approvato due giorni prima ed anche Hetty non può fare nulla per evitarlo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori