Paolo Ruffini / Il ritorno al cinema con “Up & Down – un film normale” (Domenica In)

- Morgan K. Barraco

Paolo Ruffini, l’artista è pronto a tornare al cinema con la pellicola “Up & Down – Un film normale”. Ha scelto di affiancarsi a protagonisti disabili per una grande lezione. (Domenica In)

paolo_ruffini_diana_del_bufalo
Paolo Ruffini e Diana Del Bufalo

Paolo Ruffini ritorna ancora una volta ad affondare le mani nel cinema con la pellicola Up & Down – Un film normale. Il conduttore e comico ha scelto infatti di affiancarsi ai protagonisti disabili per dare vita ad una lezione sul grande schermo. Appuntamento per il prossimo 25 ottobre, uno dei primi presenti nell’agenda che spingerà il cast fino all’Ariston il prossimo 4 dicembre per lo spettacolo teatrale Up & Down, un happening comico ed emozionante in cui i ragazzi affetti dalla sindrome di down e da autismo racconteranno quale bellezza risieda nella diversità. Paolo Ruffini sarà inoltre presente a Domenica In nella giornata di oggi, 14 ottobre 2018, proprio al fianco della compagnia dei ragazzi di Up & Down. Un momento per sfatare il mito della disabilità come impedimento, disintegrando persino il nome “down” e trasformandolo in “up”. Ruffini ha realizzato per questa occasione un one man show che viene valorizzato da effetti speciali e scenografie importanti, senza dimenticare alcune gag rocambolesche con cui dimostrare come la vera disabilità risieda in realtà nell’impossibilità di essere felici o di ascoltare l’altro.

Il premio Clown del cuore

Paolo Ruffini è ormai testimonial di una tematica importante non solo per il nostro paese, ma a livello internazionale. Lo dimostra la sua presenza al Clown & Clown della scorsa settimana, giunto alla 14esima edizione. Il comico e regista ha consegnato a Neri Marcoré il premio Clown del cuore per la sua opera magna a favore di Risorgimarche, il festival con cui ha valorizzato l’entroterra colpito duramente dal sisma. Un anno travolgente per Ruffini, che ad oggi continua ad essere una delle presenze più assidue per gli eventi a tutto tondo in Italia. Regista, attore, comico e presentatore, ultimamente ha preferito mettere in secondo piano la sua attività lavorativa sul piccolo schermo. Sicuro che la libertà di espressione sia in qualche modo limitata dalla scatola quadrata presente nelle case di tutti gli italiani e non solo. Archiviata la parentesi Colorado, non è detto che Ruffini ritorni ancora una volta al timone del programma di cabaret che ha portato alla gloria al fianco di Scintilla. Come ha sottolineato a 105.net, Colorado è diventato “la nostra casa”, ma niente è escluso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori