Elio e le storie tese/ Video, “Arrivedorci”: l’ultimo saluto del gruppo dal Festival (Sanremo 2018)

- Morgan K. Barraco

Elio e le storie tese, video “Arrivedorci”: stasera nella finale del Festival l’ultimo saluto al pubblico che è stato sempre vicino a questo meraviglioso gruppo. (Sanremo 2018)

elioelestorietese_fPigiCipelli_cs_2018
Elio e le storie tese al Festival di Sanremo 2018

A chiudere la gara ieri sera al Festival di Sanremo 2018 è Arrivedorci, che viene presentata da una simpatica Federica Sciarelli, padrona di casa del programma Rai Chi l’ha visto?. Spesso viene rimproverata di essere musona proprio al festival ha spiegato che è impossibile sorridere in un contesto simile al suo. Arrivedorci è il testo di Elio e le storie tese, che dopo la loro separazione si riuniscono proprio per Sanremo. Il testo in effetti è stato scritto con lo scopo di salutare e ringraziare tutte quelle persone che li hanno sempre seguiti e lodati. Infatti Arrivedorci sarà portato in giro per l’Italia fino al 30 giugno, poi dal 1 luglio in poi, ogni membro del gruppo tornerà a condurre la propria vita, facendo ciò che più gli piace.

Ultimi a salire sul palco, ma grazie al loro duetto hanno cercato di dare un impatto emotivo pazzesco. Elio ha scelto di salire sul palco accompagnato dal suo gruppo ma anche dai Neri per caso, che hanno fatto il loro ingresso vestiti di bianco. Elio introduce le strofe, ma poi si allontana per lasciar vivere il momento ai Neri per caso, che pur se imbarazzati riescono ad offrire una buona performance.

L’orchestra è diretta da Beppe Vessicchio, che prima di iniziare viene interrotto da Claudio Baglioni pronto a portargli una bacchetta con tanto di fiocco rosso. A fine esibizione Elio e le storie tese insieme ai Neri per caso sono sul palco, in fila con le mani poggiate sul cuore e insieme intonano il simpatico saluto: l’arrivedorci, in perfetto stile Stanlio e Ollio!

PER ELIO E LE STORIE TESE DIFFICOLTÀ IN CLASSIFICA

Fin dalla prima classifica, Elio e le storie tese, si sono sempre ritrovati nella parte bassa; e già da prima del festival, in un’intervista avevano dichiarato che la loro canzone poteva incombere nell’ errore di non piacere, ma ciò a loro non preoccupava. Sempre eccentrici, dai travestimenti ambigui, e dai sorrisi che sono riusciti a strappare nel corso delle loro esibizioni.

La canzone, come le altre risulta simpatica, ma a volte, alle persone l’eccessiva simpatia guasta. Tanto che quest’anno i concorrenti che si ritrovano nella parte alta della classifica, toccato tutti con estrema sensibilità temi molto delicati, ma allo stesso tempo affrontano la quotidianità. Il saluto simpatico di Elio e le storie tese, non è stato capito, forse sottovalutato, ma i grandi fans del gruppo di sicuro avranno apprezzato la performance.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori