Max Gazzè/ E la sua musica: “Non chiamatela ‘sinfonica’” (Che tempo che fa)

A distanza di un paio di settimane dalla fine del Festival di Sanremo, a Che tempo che fa troveremo ospite uno dei protagonisti della kermesse canora: Max Gazzè

25.02.2018 - Bruno Zampetti
Max_Gazze_Sanremo_Facebook2018
Max Gazzè tifa Napoli

L’INTERVISTA

Max Gazzè canta La leggenda di Cristalda e Pizzomunno, con tanto di orchestra da oltre trenta elementi. La sua forza è la melodia, e mai termine fu più azzeccato: la musica di Gazzè è melodica e melodiosa. Lo ricorda Fabio Fazio: “Gazzè è uno degli artisti più talentuosi del panorama italiano”. E poi, a fine esibizione: “Che meraviglia. È una canzone bellissima”. Lui quasi si giustifica: “Il suono delle parole è fondamentale, per me”. Il suo è un doppio cd, “un’opera ‘sintonica’”, come ama definirla. Si tratta di un neologismo: “Non volevamo scomodare i puristi della sinfonica, perciò l’abbiamo chiamata così”. Qual è la differenza? “Semplicemente abbiamo introdotto i sintetizzatori”. Da qualche giorno, Gazzè è cittadino onorario di Vieste: “Non ancora, in realtà. Andrò a ritirarla quest’estate”. Segue medley di successi sanremesi (e non). [agg. di Rossella Pastore]

MAX GAZZÈ, LA SCOPERTA SU LUCIO DALLA

A distanza di un paio di settimane dalla fine del Festival di Sanremo, a Che tempo che fa troveremo ospite uno dei protagonisti della kermesse canora: Max Gazzè, che sul palco dell’Ariston ha cantato “La leggenda di Cristalda e Pizzomunno”. Il brano non ha vinto il Festival, ma si è aggiudicato il Premio Enzo Bigazzi per la miglior composizione musicale. Inoltre, la città di Vieste, dove si trova il famoso scoglio bianco legato alla leggenda raccontata anche da Gazzè, ha deciso di conferire la cittadinanza onoraria al cantante romano. Il quale, da parte sua, ha raccontato a Il Giorno che durante il Festival ha saputo “che pure Dalla era rimasto affascinato da questa leggenda e aveva manifestato l’idea di scriverci sopra prima o poi un testo. Mi ha colpito il fatto di averlo scoperto proprio nei giorni in cui Ron cantava all’Ariston una sua nuova canzone. Avrei tanto voluto regalare a Lucio questo disco, in cui sviluppo tematiche di cui eravamo soliti parlare davanti ad un bicchiere di vino”.

LA CARRIERA

Max Gazzè, nato a Roma nel 1967, ha vissuto per un periodo della sua adolescenza in Belgio, dove il padre lavorava all’Ambasciata italiana. Nei locali di Bruxelles ha quindi iniziato a esibirsi come bassista nel complesso dei 4 Play 4, con cui si esibisce anche in Francia e in Olanda. Tornato a Roma nel 1991 comincia a collaborare con colleghi come Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Alex Britti e Frankie Hi-Nrg Mc. Proprio con Fabi e Silvestri vince Un disco per l’estate con “Vento d’estate” nel 1998. L’anno dopo è sul palco dell’Ariston nella categoria Giovani con “Una musica può fare”. Nel 2000 è ancora a Sanremo con “Il timido ubriaco”. Torna ancora al Festival nel 2008 con “Il solito sesso” e nel 2013 con “Sotto casa”. Tenendo conto del recente “Alchemaya”, Gazzè ha pubblicato undici album e ha anche preso parte ad alcuni film, a cominciare da Basilicata coast to coast del 2010, con la regia di Rocco Papaleo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori