Alvaro Vitali / Il dramma a Pomeriggio 5 e la fake news sulla morte: “Mi chiamano per matrimoni e cresime!”

- Anna Montesano

Alvaro Vitali racconta il suo dramma a Pomeriggio Cinque: “Dopo anni di lavoro, sono rimasto senza soldi”. Barbara D’Urso però bacchetta i suoi ospiti…

alvaro_vitali_tv
Alvaro Vitali

Prima di affermare di non avere un quattrino in tasca, Alvaro Vitali ha dovuto smentire una precedente notizia. Chiara Maffioletti per il Corriere.it, l’ha raggiunto dopo la fake news: l’attore è morto! “Sto benissimo. Però mi piacerebbe sapere di cosa sono morto stavolta: ogni anno c’è una ragione nuova. Stavolta cosa mi è successo?”, si domanda lui. Se ci sono tanti aspetti negativi, queste notizie portano anche ad alcune certezze, come l’affetto del pubblico: “Vedo sul web gente che ci resta malissimo: “Ma come, l’ho visto proprio ieri in tv!”. Ogni volta mi rendo conto che in moltissimi mi vogliono davvero bene. Sono contento che sono vivo e lo vedo”. Poi spiega anche di avere scritto una sceneggiatura per il cinema: “È il ritorno di Pierino, che non è più a scuola, vista la mia età. Si è fatto frate, fra Pierino, e sta vicino ai ragazzi, li convince a studiare, al contrario di lui. È divertente” racconta. Ad oggi però, pare che nessuno si sia interessato alla pellicola. E se per lui non ci sarebbe più spazio davanti la macchina da presa, lo richiedono comunque per matrimoni e cresime: “Come regalo vogliono Pierino. A volte devo solo stare seduto al tavolo, mi guardano, alcuni si avvicinano, mi toccano… io dico: “Ehi, sono vero, non un cartone animato””. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

“PER IL CINEMA SONO MORTO!”

Il dramma di Alvaro Vitali è cosa nota. Il celebre Pierino della commedia all’italiana degli anni ’80, dopo aver raccontato di aver finito tutti i soldi intervistato da Barbara d’Urso, ha riacceso i riflettori sulla faccenda che era balzata agli onori delle cronache già nel 2017. Dopo aver fatto ridere generazioni intere di amanti del trash, l’attore non se la passa bene da un po’ di anni. Ed infatti, aveva dichiarato a tal proposito al Corriere.it: “Forse per il cinema sono morto davvero. Non mi chiamano più e non mi spiego il perché. Vedo poi tante fiction in cui potrei recitare… ho scritto anche una nuova sceneggiatura, la mostro ai produttori, pare piacere, poi spariscono. Non so, c’è un blocco, non capisco”. Diversamente da quanto invece si potrebbe immaginare, Vitali non riesce assolutamente a vivere di rendita, sebbene molti ammiratori continuino a volergli bene ancora oggi invitandolo a svariati eventi: “Non sono ricco come si potrebbe pensare. Sto bene, ma i soldi sono finiti. Mi davano uno stipendio per girare 5 o 6 film all’anno. La paga era buona ma era quella, fine. Ci sono anni, poi, in cui non lavori, non è tutto semplice”. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

CONFESSIONI IMPORTANTI

Confessioni importanti quelle di Alvaro Vitali nello studio di Pomeriggio 5. L’attore, che tutti conoscono per aver interpretato il divertente e monello personaggio di Pierino oltre che protagonista di diversi film negli anni ’70, ospite di Barbara D’Urso ha raccontato le sue drammatiche condizioni economiche. “Noi artisti quando siamo al centro dell’attenzione e lavoriamo guadagniamo tanti soldi, e si sa, più si guadagna e più si spende. Purtroppo però non pensiamo a metterli da parte e io, che ora non lavoro più come prima, ho finito i soldi”. Queste le parole di Alvaro Vitali nello studio di Pomeriggio Cinque, dove l’argomento all’ordine del giorno sono le pensioni di alcuni personaggi dello spettacolo.

ALVARO VITALI COME BARBARA BOUCHET? LA D’URSO “BACCHETTA”

La prima a sollevare la questione “pensioni da fame”, come lo stesso Vitali definisce, nei giorni scorsi è stata Barbara Bouchet, nota attrice 74enne, che percepisce una pensione di circa 500 euro. In merito a questo, viene appunto lamentato che “Non vogliamo togliere nulla a chi guadagna le stesse cifre, ma dopo aver versato tutti quei contributi allo Stato però ci aspettavamo qualcosa in più”. Barbara D’Urso si è schierata dalla parte di Alvaro Vitali così come di Corinne Clery, appoggiando le loro lamentele in fatto di pensione. Allo stesso tempo, la conduttrice di Pomeriggio 5 ha bacchettato i diretti interessati, dichiarando: “Io metto i soldi da parte, così quando andrò in pensione avrò qualcosa per me, ma tanto in pensione ci andrò a 120 anni” ha infine scherzato col pubblico, sottolineando il fatto di voler rimanere in tv per tanto tempo ancora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori