Maria Grazia Cucinotta/ In passato sono stata tradita, la bellezza a volte conta poco

- Silvana Palazzo

Maria Grazia Cucinotta confessa in un’intervista radiofonica di essere stata tradita in passato: “La bellezza in certi casi conta poco”

maria grazia cucinotta facebook.jpeg
Maria Grazia Cucinotta (Facebook)

In amore nulla è scontato, anche per Maria Grazia Cucinotta. La bella attrice, ospite di Un Giorno da Pecora su Rai Radio 1, ha ammesso di essere stata tradita. «Sì, ci sono sempre delle “piccole menti”, perché in amore nulla è scontato, e anche la bellezza in certi casi conta poco». Nonostante ciò, non è affatto gelosa e per una ragione molto semplice. «Col lavoro che faccio, sarebbe utopico esserlo: sono sempre tra le braccia di un altro, viaggio di continuo». Di recente però non ha baciato nessuno sul set: «sto interpretando dei ruoli in cui non sono previsti baci. E, comunque, preferisco baciare chi decido io piuttosto che qualcuno sul set». Ieri comunque Maria Grazia Cucinotta ha dato il via a Los Angeles all’Italia Film Festival a Hollywood. L’attrice ha salutato il pubblico e ha accolto un super ospite, Andy Garcia, che è stato premiato con il Legend Award. Ci sarà la premier mondiale di un film a cui ha lavorato Maria Grazia Cucinotta, si tratta di “Everything’s Going Smooth”, diretto da Igor Maltagliati e interpretato con Ivano Marescotti e Piero Maggiò.

MARIA GRAZIA CUCINOTTA, IL DEBUTTO A TEATRO

Il cinema è la grande passione di Maria Grazia Cucinotta. «Non potrà mai sostituirlo niente e nessuno. La cosa bella del teatro, però, è trovare il team giusto. In questi 32 anni di carriera mi è capitato di lavorare con tantissime persone e ogni volta, da tutti, ho imparato qualcosa», ha raccontato in un’intervista a L’Arena. Intanto nei giorni scorsi ha fatto il suo debutto a teatro con lo spettacolo “Figlie di Eva”. «Sì, è la mia prima volta sul palco di un teatro e sono sincera: non pensavo di farcela. In tutti questi anni ho sempre rifiutato tante parti e qualsiasi tipo di proposta perché non credevo di poter vincere la mia fobia del palcoscenico». Una paura che ha superato grazie a Michela Andreozzi, che l’ha convinta a mettersi alla prova in questa nuova esperienza. «Il problema non era tanto il contatto con il pubblico, ma il fatto di stare sopra ad un palco che proprio mi faceva paura. Io sono da sempre una grande timida e ho sempre avuto il timore di bloccarmi». La differenza col cinema infatti è facile da intuire: «Quando stai girando un film se sbagli la scena puoi ripeterla, ma sul palco rimedi solo una figuraccia».



© RIPRODUZIONE RISERVATA