CARLA SIGNORIS/ “Com’è nato l’amore con mio marito Maurizio Crozza” (Vieni da me)

- Dario D'Angelo

Carla Signoris ospite di Caterina Balivo a Vieni da me ha raccontato qualche dettaglio della sua vita privata con il comico Maurizio Crozza.

Carla signoris 2019 vieni da me
Carla Signoris

La simpaticissima Carla Signoris ospite di Caterina Balivo a Vieni da me. L’attrice e comica genovese è protagonista dedicato al segmento de “L’album di famiglia”. L’occasione allora è propizia per ripercorrere le tappe più importanti della carriera di questa talentuosa interprete e di scoprire qualcosa di più sulla sua vita privata. Si pare con una foto che la ritrae nel gruppo comico dei “Broncoviz” di cui faceva parte anche il marito Maurizio Crozza:”Io l’avevo conosciuto che aveva ancora i capelli. Poi mi ha tirato questo pacco…meglio però, perché senza capelli è meraviglioso”. La Signoris ha anche raccontato com’è nata la loro storia d’amore:”Noi eravamo amici da sempre, fin da piccoli, ci siamo baciati una prima volta e poi ci siamo rimessi insieme dopo 10 anni: al nostro matrimonio c’erano più ex fidanzati che parenti”.

CARLA SIGNORIS A VIENI DA ME

Nel corso della sua intervista con Caterina Balivo a Vieni da me, la bella e brava Carla Signoris ha parlato anche del suo modo di affrontare la maternità:”Che tipo di mamma sono? Diciamo che sono abbastanza permissiva, se posso dico sì ma se dico no è no”. Rispetto al mondo dei figli, e quindi anche quello dei bambini, impossibile non parlare della sua esperienza da doppiatrice nel film “alla ricerca di Nemo”:”Io non ho memoria, come Dory, il pesciolino di Nemo. E’ stato il mio primo e unico doppiaggio. Non l’ho mai più fatto. Dory mi somiglia non solo mentalmente ma anche fisicamente con questi e grandi”.  Immancabile il momento-show in cui canta la canzoncina del cartone Disney: insomma, Carla Signoris si è confermata anche in puntata una donna elegante, simpatica e pungente, tutte qualità che hanno fatto del suo un successo duraturo e non passeggero.



© RIPRODUZIONE RISERVATA