Claudio Lippi “In gara a Sanremo come concorrente”/ “Farò i provini, è un sogno!”

- Anna Montesano

Claudio Lippi vuole partecipare al Festival di Sanremo nelle vesti di concorrente: “Mi presenterò ai provini, vada come vada”

claudio lippi vienidame 640x300
Claudio Lippi a Vieni da me

Al prossimo Festival di Sanremo potrebbe esserci anche Claudio Lippi. Ebbene sì, il noto conduttore ha un sogno nel cassetto ormai da anni e vuole realizzarlo. Lo ha confessato in un’intervista all’AdnKronos, ammettendo che “La musica è il mio primo amore, e salire sul palco di Sanremo come concorrente è un’emozione che voglio vivere prima di morire. Quindi, sì: mi presento alle selezioni come concorrente, farò i provini come tutti e poi vediamo che succede, vada come vada”. Dunque è ben deciso a presentarsi alla kermesse e, anzi, chiarisce: “Non conosco e non voglio nemmeno sapere i discorsi delle majors, alla fine sarà l’azienda a dover decidere” E ammette che “seguirò quello che ufficialmente dicono di fare, invio il pezzo realizzato da me, faccio sentire cosa viene fuori dall’anima. Seguirò un iter, che voglio pensare sia corretto, e vediamo cosa succede”.

Claudio Lippi a Sanremo? “Non è la prima volta che tento”

Non è però la prima volta che Claudio Lippi tenta di partecipare al Festival di Sanremo nelle vesti di concorrente. Ci ha infatti provato anche lo scorso anno: “L’anno scorso chiamai Amadeus, ma la chiusura delle selezioni era in dirittura d’arrivo e chiudevano il giorno dopo, quindi ormai eravamo fuori tempo massimo – ricorda Lippi – Quest’anno voglio inviare il provino realizzato da me, sempre di quel brano, che è uno di quelli che come pochi altri mi ha fatto piangere di commozione”. Un sogno che il conduttore vuole insomma realizzare ad ogni costo: “Sono nato con la passione della discografia e del canto, mi è rimasto come primo amore, anche se purtroppo non ho il talento di scrivere canzoni d’autore – ammette – Per me è fondamentale il rapporto col pubblico e anche ora, quando faccio i miei spettacoli, privilegio soprattutto la piazza, perché così ho il polso della realtà della gente. In questo momento di crisi, è importante stare a contatto con i bisogni delle persone comuni”. Chissà, dunque, che questo sogno non si realizzi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA