Colloquio Draghi-Xi Jinping/ “Italia svolga ruolo attivo in relazioni Cina-Ue”

- Carmine Massimo Balsamo

Il premier Mario Draghi e il presidente cinese Xi Jinping hanno fatto il punto della situazione sull’Afghanistan e sul vertice straordinario del G20

sondaggi politici
Il presidente del Consiglio, Mario Draghi (LaPresse)

Atteso da diversi giorni, oggi si è tenuto il confronto tra Mario Draghi e Xi Jinping. Un colloquio telefonico quello tra il presidente cinese e il premier italiano, come riferito dall’emittente televisiva statale cinese, China Central Television.

La crisi in Afghanistan e il vertice straordinario del G20 i temi principali del dialogo tra Draghi e Xi Jinping. Questo quanto reso noto da Palazzo Chigi: “La conversazione telefonica si è concentrata principalmente sugli ultimi sviluppi della crisi afghana e sui possibili fori di cooperazione internazionale per farvi fronte, ivi compreso il G20. Il presidente Draghi e il Presidente Xi hanno discusso anche della collaborazione tra i due Paesi sia in vista del Summit di Roma, sia sul piano bilaterale”, riporta Repubblica.

Colloquio Draghi-Xi Jinping: l’esito

Vanno avanti i lavori in vista del G20, dunque, con il governo italiano al lavoro per un meeting in grado di coinvolgere le grandi potenze mondiali che hanno influenza sui talebani, a partire da Russia e, appunto, Cina. “L’auspicio è che il prossimo G20 aderisca al vero multilateralismo”, ha reso noto Pechino, promuovendo “lo spirito di solidarietà e cooperazione per combattere l’epidemia, ripristinare l’economia mondiale e promuovere uno sviluppo inclusivo e sostenibile”.

Come riportato dall’emittente televisiva statale cinese, il presidente Xi Jinping ha tenuto a ribadire l’appoggio e il sostegno all’Italia nel suo impegno, promettendo un aiuto concreto in vista del prossimo vertice del G20 a Roma.



© RIPRODUZIONE RISERVATA