Coronavirus, come lavarsi le mani/ L’OMS: “In 40-60 secondi si può…”

- Alessandro Nidi

Coronavirus, come difendersi: l’OMS consiglia di lavarsi le mani per 40-60 secondi. Un gesto apparentemente semplice, ma siete sicuri di saperlo fare davvero?

lavarsi le mani pixabay
Lavarsi le mani (Pixabay)

Coronavirus, come difendersi? La nuova patologia proveniente dalla Cina intimorisce il mondo intero e, al momento, non sono state individuate terapie specifiche né sono stati messi a punto vaccini in grado di arginarla e debellarla. Quali sono i meccanismi, dunque, da attivare nella quotidianità per prevenire il contagio? Il consiglio più semplice e apparentemente scontato giunge direttamente dall’OMS, che raccomanda di lavarsi bene le mani, per una durata di tempo pari almeno a 40-60 secondi. Come riferito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, “il vademecum per una corretta igiene delle mani spiega che la procedura del lavaggio delle mani deve durare 40-60 secondi. Nel corso di tale arco temporale occorre bagnarsi le mani con l’acqua e applicare una quantità di sapone sufficiente a coprire l’intera superficie delle mani, interna ed esterna”. Dopodiché, è necessario frizionare le mani palmo contro palmo, passando prima il palmo destro sopra il dorso sinistro intrecciando le dita tra loro e viceversa. Il passaggio successivo prevede di “intrecciare le dita palmo contro palmo e di passare il dorso delle dita contro il palmo opposto, tenendo le dita strette tra loro. Strofinare, poi, attraverso la rotazione del pollice sinistro sul palmo destro e viceversa. Strofinare, ancora, attraverso rotazione, all’indietro e in avanti con le dita della mano destra sul palmo sinistro e viceversa”. Al termine del procedimento, è opportuno, dopo aver risciacquato le mani con l’acqua, asciugarle mediante l’utilizzo di una salviettina monouso. Utilizzarne poi una seconda per chiudere il rubinetto e interrompere l’erogazione dell’acqua. Questo è al momento l’unico metodo disponibile per difendersi dal Coronavirus.



© RIPRODUZIONE RISERVATA