Coronavirus, Coppa Davis a porte chiuse?/ C’è l’Italia a Cagliari: tutto da decidere

- Claudio Franceschini

Coronavirus, Coppa Davis a porte chiuse? A Cagliari è in programma la sfida Italia Corea del Sud, il decreto governativo in discussione potrebbe proibire la presenza del pubblico.

Coppa Davis finale diretta
Diretta finale Coppa Davis (Foto LaPresse)

La bufera Coronavirus continua a colpire l’Italia e il mondo, e ovviamente anche lo sport: nella necessità di evitare luoghi pubblici e affollati rientrano naturalmente le manifestazioni sportive, tra queste Italia Corea del Sud che si disputa nel fine settimana (6-7 marzo) come primo turno della Coppa Davis 2020 (l’eliminatoria). Oggetto del contendere è il decreto governativo in discussione, del quale si è parlato ieri: “Evitare per 30 giorni manifestazioni, anche quelle sportive, che comportino l’affollamento di persone e il non rispetto della distanza di sicurezza di almeno un metro”: questo il testo, nel quale chiaramente rientra anche la sfida di Cagliari. Il problema è che il decreto non è ancora ufficiale: per questo motivo le disposizioni sulle partite di Coppa Davis 2020 restano aperte a qualunque variazione. La cosa sicura è che Angelo Binaghi vorrebbe giocare a porte aperte, e infatti sino a ieri sembrava che questo fosse il caso; in realtà questa nuova ordinanza impedirebbe alla nazionale italiana di tennis di sfidare la Corea del Sud con la presenza del pubblico. Staremo a vedere nelle prossime ore quello che succederà.

ITALIA COREA DEL SUD, COPPA DAVIS 2020: PORTE CHIUSE?

Dunque, Italia Corea del Sud di Coppa Davis 2020 si potrebbe disputare a porte chiuse: se non altro, verrebbe da dire, il tennis resta al momento uno degli sport meno bersagliati visto che per il momento non si sono registrati tornei cancellati, anzi si è continuato a giocare (nell’ultimo fine settimana sono arrivati i titoli di Novak Djokovic a Dubai e Rafa Nadal ad Acapulco). Tuttavia, adesso arrivano i grandi tornei: a marzo è in programma Indian Wells e a seguire ci sarà Miami, i primi due Masters 1000 della stagione che sono anche i più prestigiosi. Per il momento non sono arrivate disposizioni in merito, ma se l’emergenza Coronavirus dovesse diffondersi anche negli Stati Uniti è facile immaginare che possa arrivare qualche provvedimento in merito. Al momento noi possiamo limitarci a dire che Corrado Barazzutti, per la sfida alla Corea del Sud (il cui principale singolarista è Nam Ji Sung, numero 238 Atp) ha convocato Fabio Fognini, Lorenzo Sonego, Gianluca Mager (reduce dalla finale di Rio de Janeiro, torneo nel quale ha battuto Dominic Thiem) e Simone Bolelli, non ce la fa Matteo Berrettini che sta ancora combattendo con un infortunio e ha iniziato male il suo 2020. Lo aspettiamo a Indian Wells, ovviamente sperando che ce la faccia; rispetto alla Coppa Davis 2020, questo primo turno non dovrebbe rappresentare un problema anche qualora il pubblico del Circolo di Cagliari dovesse mancare…







© RIPRODUZIONE RISERVATA