CORONAVIRUS LIGA/ Tamponi ai giocatori rinviati: il governo temporeggia sulla ripresa

- Michela Colombo

Coronavirus Liga: si lavora sul rientro in campo, ma il governo ha rigettato il protocollo stilato per la ripresa. No a tamponi indiscriminati per i giocatori.

De Jong Griezmann Barcellona giallo lapresse 2019 640x300
Coronavirus Liga (Foto LaPresse)

Vi sono nuove scottati novità per quella che doveva essere il cammino fissato dalla Liga per la ripresa degli allenamenti in primis e del campionato poi, dopo lo stop per l’emergenza coronavirus. Stando infatti a quello che ci riporta oggi Cadena Ser, pare che in Spagna il governo stia temporeggiando sulle date di un possibile rientro in campo per il calcio: ricevuto il protocollo della Liga sulle misure da adottare per la ripresa delle attività, gran parte delle indicazioni sarebbero state rigettate dunque dalla politica, che pure si è detta ben contraria all’ipotesi di effettuare tamponi a tappeto per il coronavirus ai giocatori. Il Ministro della Salute infatti avrebbe avvertito i club che i giocatori, come tutti gli altri lavoratori, dovranno essere controllati solo in presenza di sintomi riconducibili al cronavirus: niente tamponi indiscriminati dunque, in aperto contrasto alle richieste di giocatori e società (che tornerebbero in campo solo con la certezza di non aver tesserati positivi al Covid-19). Il piano studiato dalla Liga per la ripresa dunque per il momento si è arenato: e pure il protocollo stilato, come ci riporta AS, conteneva misure ben dettagliate, dal numero massimo di presenti in campo per gli allenamenti (8, con solo 6 giocatori) fino ai tamponi da effettuare in auto e disposizione per l’utilizzo di parti comuni, come spogliatoio e palestra. (agg Michela Colombo)

CORONAVIRUS LIGA: IL PROTOCOLLO STILATO PER LA RIPRESA

Pure nel campionato spagnolo, nonostante il perdurare dell’emergenza sanitaria legata al coronavirus, pur si lavora per il presto rientro in campo e ripresa di allenamenti e attività agonistiche. E se ancora vi è grande incertezza sulle date del ritorno in campo per la chiusura anche della Liga, pure federazione e leghe hanno già approntato un protocollo medico, con misure e test medici che i giocatori e staff dovranno affrontare prima di tornare a giocare. Secondo dunque le ultime indiscrezioni che ci arrivano da diversi media spagnoli già la Liga sta lavorando affinché comincino i primi test per il coronavirus per giocatori e staff già dal prossimo 28 aprile. Anzi pare che sia stata già assunta una società privata che eseguirà dunque tutti i test (PCR, sierologiche e prove rapide) nelle settimane che anticiperanno il rientro in campo: il tutto chiaramente in attesa che la politica, e per la recisione il Ministro della Salute, dia il suo ok al rientro in campo.

CORONAVIRUS LIGA: IL BARCELLONA HA PRONTO UN PIANO CON 5 TEST

E se dunque già la Liga sta agendo per la ripresa di allenamenti e ritorno in campo, con l’organizzazione di controlli sanitari per giocatori e staff da condurre nei prossimi giorni, ecco che pure il Barcellona si è già mosso con grande anticipo. Stando a quanto ci riporta il quotidiano AS la società bluagrana sta già lavorando a un piano con 5 tipologie differenti di test, sanitari, psicologici e fisici a cui i giocatori dovranno sottoporsi prima di riprendere le attività. Nel protocollo non viene apparentemente trascurato alcun aspetto: si parte con un colloquio personale fino a test metabolici e per il coronavirus, con pure prove di corsa e resistenza. Di fatto i giocatori, prima di ritornare a giocare si sottoporranno a nuove prove per riottenere l’idoneità sportiva: mossa quasi inevitabile considerato che finora non ci si è potuti allenare se non nelle proprie abitazioni. Va poi aggiungo che alcuni di questi test, specialmente quelli legati  al coronavirus verranno poi effettuati periodicamente e sistematicamente per il resto della stagione. Non è però dato a sapere quali saranno le misure da adottare se in tal caso verranno riscontrate nuove positività al Covid-19.



© RIPRODUZIONE RISERVATA