Coronavirus, von der Leyen (Ue): “Pronti a sostegno Italia”/ Verso sforamento deficit

- Dario D'Angelo

Coronavirus, la Commissione Ue riconosce come “grave” la situazione dell’Italia ed è pronta ad aiutarla economicamente: le parole di Ursula von der Leyen.

vonderleyen conte 1 lapresse1280 640x300
Ursula von der Leyen e Giuseppe Conte (LaPresse)

La situazione coronavirus in Italia viene riconosciuta dall’Ue come “grave” e per questo motivo la Commissione europea è pronta a mettere in campo “misure addizionali” a sostegno della Penisola. Ad annunciarlo è stata la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che alla stampa, da Bruxelles, ha dichiarato: “Ho parlato con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, abbiamo discusso della situazione relativa all’epidemia di coronavirus e abbiamo parlato di che aiuto supplementare possiamo dare all’Italia”. Conte e von der Leyen, come annunciato dalla stessa tedesca, hanno “concordato di tenere una videoconferenza nei prossimi giorni per discutere più nel dettaglio cosa si sta facendo e cosa possiamo fare di più”. Che l’Unione Europea sia pronta ad intervenire al fianco dell’Italia lo si evince anche dalle parole di Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva della Commissione Europea, che ha dichiarato: “La situazione in Italia è particolarmente severa, restiamo pronti a lavorare con il Governo italiano su misure aggiuntive per rimediare ai seri problemi dell’economia, in base all’articolo 107.3 del Trattato”.

CORONAVIRUS, VON DER LEYEN: “PRONTI A SOSTENERE ITALIA”

Conferme sulla volontà della Commissione Ue di intervenire a sostegno dell’Italia per fronteggiare l’emergenza coronavirus sono arrivate da Giuseppe Conte in persona, secondo cui “dal colloquio è emersa piena condivisione su un rafforzato coordinamento europeo e interventi di tipo economico e regolamentare”. Come riportato dal Corriere della Sera, nella teleconferenza a 27 Stati membri sulle misure di ordine europeo in relazione al Covid-19, l’esecutivo italiano era in predicato di chiedere a Parlamento Europeo l’autorizzazione a sforare il deficit per una somma di molto maggiore rispetto a quella comunicata soltanto pochi giorni fa alla Commissione (7,5 miliardi, pari allo 0,3% del PIL). Esulta il commissario europeo per l’Economia, l’ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, che commenta: “Nel contrasto al coronavirus l’Italia può contare sulla solidarietà europea. È ora di prendere decisioni comuni, anche per fronteggiare le conseguenze economiche”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA