SANTO DEL GIORNO/ 17 febbraio 2011: santi sette fondatori dell’Ordine dei Servi di Maria

- La Redazione

Santi del giorno, 17 febbraio 2011: santi sette fondatori dell’Ordine dei Servi di Maria

tutti_santiR400
Tutti i santi

Si celebrano oggi come santi del giorno i santi sette fondatori dell’Ordine dei Servi di Maria. Nel dettaglio si chiamavano Bonfilio, Bartolomeo, Giovanni, Benedetto, Gerardino, Ricovero e Alessio. Quest’ultimo era lo zio di santa Giuliana.

Erano dei mercanti di Firenze; intorno al 1233, mentre Firenze era sconvolta da lotte fratricide, i sette santi che erano già membri di una compagnia laica di fedeli devoti alla beata Vergine, ed erano legati tra loro dall’ideale evangelico della comunione fraterna e del servizio ai poveri, decisero di ritirarsi in una vita comune di solitudine e penitenza e contemplazione, dopo aver ricevuto un’apparizione proprio della Beata Vergine.
Lasciarono le loro case e diedero i loro averi ai poveri. Quindi si ritirarono sul Monte Senario, vicino a Firenze. Quando tornano dal loro ritiro, i bambini di Firenze li salutarono chiamandoli “i servi di Maria”. Per questo i sette santi decisero di adottare questo nome e nel 1240, sempre il giorno della Festa dell’Assunzione, la Madonna apparve loro di nuovo e li esortò a fondare un nuovo ordine religioso. Essi quindi costruirono una piccola dimora e un oratorio dedicato a santa Maria e diedero vita all’ordine dei Servi di Maria sotto la regola di sant’Agostino.

CLICCA >> QUI SOTTO PER CONTINUARE A LEGGERE L’ARTICOLO SUI  SANTI SETTE FONDATORI DELL’ORDINE DEI SERVI DI MARIA SANTI DI OGGI 17 FEBBRAIO 2011

È uno degli ordini più antichi della Cristianità fra quelli specialmente dedicati a diffondere la devozione a Nostra Signora. I santi sette fondatori dell’Ordine dei Servi di Maria vengono commemorati insieme nel giorno in cui si tramanda che Alessio, il più longevo, sia morto centenario.
Nel 1888 Leone XIII canonizzò insieme i sette primi Padri. Sul Monte Senario un unico sepolcro raccoglie insieme le loro spoglie mortali, per tenerli insieme così come avevano vissuto in comunione.

(Fonte: santiebeati.it)
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori