ELENA CESTE/ News, l’amico di Michele Buoninconti: è come un leone in gabbia

- La Redazione

Michele Buoninconti “è provato ma si fa forza: è un leone in gabbia”. Lo ha detto, dopo un incontro in carcere, un amico dell’uomo accusato di aver ucciso la moglie Elena Ceste.

elena_ceste_R439
Elena Ceste (Infophoto)

Michele Buoninconti “è provato ma si fa forza: è un leone in gabbia”. A parlare, intervistato da La Nuova Provincia, è un amico dell’uomo che dal 29 gennaio scorso è in carcere con l’accusa di aver ucciso sua moglie, Elena Ceste. “Sta collaborando con gli avvocati, a cui ha dato fiducia, per difendersi”, spiega ancora l’uomo che è andato a trovare Buoninconti presso il carcere di Quarto ad Asti. “Abbiamo dato vita ad un gruppo su Facebook per dimostrargli il nostro sostegno e la nostra fiducia – ha aggiunto l’amico nell’intervista – perché crediamo nella sua innocenza. In questi ultimi tempi ci siamo visti spesso, prendevamo un caffè insieme. E ho voluto andare a trovarlo in carcere per rimanergli vicino anche in questo momento difficile e delicato”. In carcere, Michele Buoninconti “va d’accordo con il suo compagno di cella e con gli altri detenuti, che scherzano e fanno anche qualche battuta con lui. Legge la Bibbia e i giornali e guarda la tv. Mi ha chiesto anche notizie dei figli e voleva persino darmi dei dolci da portare a casa ai miei bambini”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori