IMMIGRAZIONE/ Sbarchi, il piano Ue sulle quote per i migranti: cosa sono?

- La Redazione

Per fronteggiare l’emergenza immigrazione, l’Unione Europea sta ripensando alla norma delle quote per regolare le responsabilità degli Stati membri sull’accoglienza di rifugiati.

immigrati_barca_r439
Infophoto

Per fronteggiare l’emergenza sbarchi e immigrazione, l’Unione Europea sta ripensando a una norma per regolare le responsabilità degli Stati membri sull’accoglienza di rifugiati e dei richiedenti asilo. La nuova Agenda sull’immigrazione che si sta discutendo in questi giorni e che dovrebbe essere approvata a breve dalla Commissione Ue, pone infatti l’accento su tre punti cardine: individuazione ed eliminazione delle imbarcazioni utilizzate dagli scafisti, aiuti ai paesi di origine degli immigrati e introduzione di quote obbligatorie di persone da accogliere per gli Stati aderenti all’Unione.

Il punto più controverso resta la redistribuzione degli immigrati, una misura che ha infatti già ricevuto un deciso no da parte dei Paesi membri durante la seduta del Consiglio straordinario sull’immigrazione che si è tenuto circa tre settimane fa. Secondo quanto trapelato, la divisione per quote obbligherebbe ogni Stato membro dell’Unione Europea ad accogliere un certo numero di immigrati, richiedenti asilo oppure rifugio politico, sbarcati sulle coste italiane così come anche in quelle di altri paesi rivieraschi. La suddivisione per quote dovrebbe essere realizzata tenendo conto di molti parametri, quali ad esempio il Prodotto Interno Lordo (Pil), il tasso di occupazione, il numero degli abitanti e anche quello dei migranti già accolti.

Le persone che oggi affollano i centri di prima accoglienza italiani (ma anche maltesi) verrebbero quindi ridistribuiti tra i ventotto paesi facenti parte dell’Unione Europea, secondo un programma vincolante ed obbligatorio. Sembra però che non siano ancora chiare le basi legali sulle quali questa proposta dovrebbe reggersi. Qualcuno sostiene che potrebbe essere invocato l’articolo 78 del Trattato di Lisbona che sostiene che, in caso di situazioni di emergenza dovute ad un afflusso improvviso di migranti, si possano adottare misure temporanee a beneficio degli Stati interessati. Questa norma garantirebbe alle quote obbligatorie una corsia privilegiata di discussione ma non la renderebbe immune dal voto. Per essere approvata dovrà comunque ottenere dal Consiglio Europeo la maggioranza qualificata.

Favorevoli e contrari

 

Tra chi si è pronunciato in modo favorevole sulla proposta troviamo l’Alto Rappresentante dell’Unione europea per la politica estera, Federica Mogherini, che si è pronunciata durante un dibattito in occasione della giornata Expo per l’Unione Europea. La Mogherini ha appreso con sollievo il tentativo da parte dell’Unione di dare una risposta all’immigrazione clandestina ed ha aggiunto che la ricerca di una risposta europea, che coinvolga tutti gli Stati membri, è la strada giusta da percorrere. 

 

Chi, invece, molto probabilmente si opporrà al tema delle quote obbligatorie per gli immigrati troviamo i Paesi dell’est Europa. Slovacchia, Ungheria, Repubblica Ceca ma anche Regno Unito, infatti, sembrerebbero compatti nella volontà di far naufragare la proposta in quanto restii a modificare la situazione attuale, perchè non toccati direttamente dal problema.

 

Anche in Italia la politica si divide tra chi vede questa proposta come un sospiro di sollievo per affrontare un problema che sta diventando insostenibile e chi lo vede come l’ennesimo bluff della politica Europa per garantire aiuti soltanto sulla carta, senza dar vita ad un piano serio che prenda in considerazione i veri problemi dei migranti che sbarcano sulle coste italiane.        

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori