Paola Catanzaro / Nuove accuse sul santone diventato showgirl: ha legami con la Sacra Corona Unita? (Le Iene)

- Silvana Palazzo

Paola Catanzaro, il caso Sveva a Le Iene Show. Nuove accuse contro il santone diventato showgirl: ha legami con la Sacra Corona Unita? E avrebbe anche aggredito un uomo quest’estate…

paolo_catanzaro_sveva_cardinale_le-iene
Paola Catanzaro, il caso Sveva a Le Iene Show

Paola Catanzaro, il santone diventato showgirl, continua a fare parlare di sé: Sveva Cardinale, come si fa chiamare oggi, avrebbe minacciato e aggredito alcune persone. La vicenda è dunque tornata d’attualità a Le Iene Show, che è tornata sul caso. Nella scorsa stagione, infatti, il programma si è occupato delle truffe ai danni di molte persone, per le quali la showgirl è stata rinviata a giudizio. Ora però si parla addirittura di aggressione, come racconta un uomo ai microfoni della trasmissione di Italia 1 (qui il servizio): «Mi ha detto “ti ucciderò, hai finito di campare”. Sono stato aggredito da Paola Catanzaro». Negli anni Novanta Sveva era in realtà Paolo e faceva credere alle persone di avere visioni della Madonna, oltre che di poter salvare il mondo con grandi offerte di denaro. E ne ha ricevute davvero tante, stando ai racconti dei suoi ex seguaci. Non si parla però solo di offerte, ma di ordini davvero crudeli: avrebbe chiesto a un uomo di separarsi dalla moglie, ad una donna invece di abortire, come ricorda il servizio de Le Iene.

LE OMBRE DELLA MAFIA PUGLIESE…

Complice da sempre di Paola Catanzaro sarebbe il marito Francesco Rizzo. Ma Sveva Cardinale ha sempre respinto le accuse: «Non mi sono mai fatta dare soldi, sono solo parole. Non ho fatto nulla». Pur avendo ribadito più volte che le visioni si sono veramente verificate, ha garantito che quella vita appartiene al suo passato. Eppure una testimone racconta a Le Iene che riceve soldi settimanalmente, anche settemila euro: «Io ho intrapreso una vita diversa. Ho sempre lavorato: ho fatto la pizzaiola e la parrucchiera». La conferenza stampa nella quale avrebbe dovuto portare le prove della sua innocenza non c’è mai stata, ma sono invece continuate a pioverle accuse. Quest’estate, ad esempio, è stata accusata di aver aggredito un uomo in uno stabilimento balneare di Brindisi: «Quando mi ha visto mi ha mostrato il dito medio. Quando è tornata però mi ha colpita più volte. Ha insultato la mia compagna, il fratello mi ha dato uno schiaffo e lei mi ha dato un pugno all’occhio. Quando i carabinieri sono arrivati lei non c’era più. Ho denunciato lei e tutta la sua famiglia». Perché i carabinieri non hanno richiesto i filmati delle telecamere di videosorveglianza? «Ho visto una ragazza che urlava e Paola che menava, anche suo marito hanno picchiato l’uomo», racconta una testimone che però non si è fatta avanti per mettere nero su bianco il racconto. Non sono mancate comunque le visite intimidatorie alla vittima dell’aggressione: l’uomo delle presunte minacce potrebbe essere un membro della Sacra Corona Unita, pagato per minacciare il suo obiettivo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori