TRUFFE TELEFONICHE/ Ecco i trucchi di chi ci vuole svuotare il portafoglio

- Fabio Belli

Truffe al telefono, occhio alle chiamate acchiappacredito. L’allarme sulle pratiche che illegali che con un semplice squillo costano carissime agli utenti

800.833.833 coronavirus supporto psicologico
Immagine di repertorio

Occhio alle truffe telefoniche: si tratta di una pratica particolarmente sottovalutata dagli utenti, ma considerando l’utilizzo che si fa oggi degli smartphone, la situazione è più che preoccupante. Si tratta di pratiche che hanno nomi difficili da memorizzare, come i i Ping Calls (gli squilli che prosciugano il credito telefonico), i Call-ID-Spoofing (numerazioni finte che fanno apparire numeri familiari in rubrica), gli sms di allarme per estorcere i dati delle nostre carte di credito, fino alle chiamate di finti call center bancari che sono tese a recuperare dati sensibili. Un pericolo che è tanto più grande quanto l’inconsapevolezza di chi riceve la chiamata porta a riceverle a cuor leggero. Ivano Gabrielli, Vice Questore Aggiunto della Polizia Postale, ha messo in guardia sulla questione: “Occorre essere sempre vigili e valutare le telefonate che riceviamo con una buona dose di diffidenza. Bisogna partire dall’idea che ogni input che ci arriva dall’esterno e che riguarda un nostro mezzo di pagamento sia da considerare a rischio.”

I NUMERI “MASCHERATI” 

Si tratta di pratiche per le quali sono a rischio soprattutto gli anziani. Ad esempio con le Ping Calls, arrivano squilli sul nostro cellulare per i quali non c’è tempo di rispondere. Chi ha la malaugurata idea di richiamare, entra in contatto con numeri capaci anche di scaricare 1 euro al secondo dal credito telefonico. Più ingegnosa ed articolata è la pratica del Call-ID-Spoofing, che permette di nascondere il numero reale dal quale arriva la chiamata nascondendosi dietro un’utenza più “rassicurante” (ad esempio un numero nazionale al posto di uno estero) e a volte anche entrando nella rubrica contatti di un utente, apparendo dunque come il numero di un amico o di un parente e poi, una volta accettata la chiamata, iniziando a scalare credito. Una situazione che andrà sicuramente monitorata, per evitare che a truffare siano cittadini che non fanno altro che rispondere a una chiamata e si trovano spesso alle prese con un ingente danno economico.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori