ISABELLA NOVENTA / News, scelto il rito abbreviato: maggio il mese delle udienze (Quarto Grado, oggi 3 febbraio 2017)

- La Redazione

Isabella Noventa, ultime news: udienza preliminare, il giudice si esprimerà sul rincio a giudizio a carico dei tre indagati. Gli aggiornamenti nel corso di Quarto Grado.

Isabella_Noventa_Twitter
Isabella Noventa

E’ stato un giorno decisivo, oggi, in riferimento al caso sull’omicidio di Isabella Noventa, poiché si è conclusa l’udienza preliminare nella quale i tre indagati hanno scelto il rito abbreviato. Come riferisce Il Gazzettino, dunque, Manuela Cacco, il suo ex amante Freddy Sorgato e la sorella di quest’ultimo, Debora, tutti e tre indagati per l’omicidio volontario premeditato della 55enne, eviteranno di essere giudicati al cospetto della Corte d’Assise. Il gup ha accettato le tre richieste respingendo però quella iniziale della difesa di Manuela Cacco che aveva optato inizialmente per il rito abbreviato condizionato dall’audizione della figlia. Già fissate le prime udienze che evidenziano un mese di maggio ricco da questo punto di vista. Quello che si prospetta sarà un processo lampo che potrebbe concludersi con soli tre appuntamenti, precisamente nelle date del 9, 11 e 18 maggio prossime. La sentenza, infatti, potrebbe giungere addirittura già il prossimo 6 giugno. Ciò che sperano di ottenere i tre imputati è lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna che sarà definita sulla base delle prove già ottenute. Il caso sarà affrontato questa sera con nuovi approfondimenti nel corso della trasmissione Quarto Grado.

Nuovo colpo di scena nell’ambito dell’udienza preliminare sul delitto di Isabella Noventa, la segretaria 55enne uccisa oltre un anno fa. Oggi, con la ripresa dell’udienza iniziata lo scorso mercoledì, le difese dei tre imputati – Manuela Cacco e i fratelli Freddy e Debora Sorgato – hanno avanzato le loro richieste optando tutti e tre per il rito abbreviato. Una scelta che in qualche modo giunge a sorpresa in quanto dalle indiscrezioni si era ipotizzata una simile decisione solo per due degli imputati, ovvero Freddy Sorgato e l’ex amante Manuela Cacco. Anche Debora Sorgato, dunque, ha optato per il medesimo procedimento che garantirà, in caso di condanna, un terzo della pena ma senza escludere necessariamente la condanna all’ergastolo. A darne notizia è Il Gazzettino che riporta anche come con questa decisione non ci sarà un processo articolato ma si giungerà ad una sentenza sulla base delle prove ad oggi raccolte nel corso delle indagini sul giallo di Isabella Noventa. Del caso, con le ultime novità e gli aggiornamenti del giorno se ne discuterà questa sera nel corso della nuova puntata della trasmissione Quarto Grado, in onda su Rete 4.

Giornata decisiva, quella odierna, in merito al giallo di Isabella Noventa, la segretaria 55enne di Albignasego misteriosamente uccisa la notte a cavallo tra il 15 ed il 16 gennaio dello scorso anno. La trasmissione Quarto Grado aggiornerà i suoi telespettatori sulle ultime importanti novità, alla luce della seconda parte dell’udienza preliminare che avrà luogo oggi e che vedrà protagonisti i tre indagati, la tabaccaia Manuela Cacco e i due fratelli, Freddy e Debora Sorgato. Nel corso della passata udienza dello scorso mercoledì, al cospetto del Gup non sono mancati i colpi di scena nell’ambito di un caso, quello sulla morte di Isabella Noventa, ancora ricco di dubbi e punti da chiarire. In aula, il pubblico ministero ha reso noti alcuni frame fino ad oggi inediti e tratti dalle telecamere della polizia locale di Noventa Padovana, nei quali sarebbe stata immortalata l’auto di Debora Sorgato, la famosa Golf Bianca. Le immagini farebbero riferimento alla notte in cui Isabella Noventa fu uccisa e, come rivela Today.it, riprenderebbero la vettura sul ponte del Piovego in direzione del municipio di Noventa. Il fatto realmente interessante è la presunta presenza di due soggetti a bordo. L’ipotesi dell’accusa è che oltre a Debora possa esserci stato anche Freddy Sorgato, intenti entrambi a disfarsi del cadavere della segretaria uccisa. Lo stesso legale della famiglia della vittima, Gianmario Balduin, avrebbe ipotizzato la presenza del corpo di Isabella Noventa nel bagagliaio dell’auto. Ma la prima parte dell’udienza preliminare si è rivelata ulteriormente importante poiché è mutato un capo di imputazione: mentre resta per l’intero trio diabolico l’accusa di omicidio premeditato, per Manuela Cacco permangono anche quelle di stalking e simulazione. A cambiare è l’ipoteso di reato di occultamento di cadavere, che diventa ora di sottrazione e/o soppressione, quindi in caso di condanna, decisamente più grave. L’udienza è stata a questo punto sospesa in attesa della giornata odierna, quando si tornerà in aula a partire dalle ore 13:00. In questo nuovo appuntamento scopriremo quale scelta faranno le difese dei tre imputati. Secondo alcune indiscrezioni, non si esclude che due dei tre soggetti indagati possano chiedere di essere ammessi al rito abbreviato. Si tratta quasi certamente di Manuela Cacco e Freddy Sorgato, i due ex amanti. Il rito abbreviato, tuttavia, pur garantendo lo sconto di un terzo della pena non esclude la condanna all’ergastolo. In merito a Debora Sorgato, invece, la sua difesa potrebbe decidere di affrontare l’udienza preliminare ed accettare dunque il rinvio a giudizio. Questo significherebbe affrontare la Corte d’Assise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori