La femminista/ Luisa Muraro: “omosessualità maschile? fondamento patriarcato”

- La Redazione

Papà gay genitori, la femminista Luisa Muraro dice la sua sul caso della coppia di Trento: “l’omosessualità maschile è fondamento del patriarcato”. Oggi, 11 marzo 2017

aborto-feto_R439
Foto dal web

Interviene, non senza polemiche, anche la filosofa femminista Luisa Muraro, co-fondatrice della Libreria delle donne a Milano, sui papà gay riconosciuti genitori. La filosofa, in un suo intervento in vista della Festa della donna dello scorso 8 marzo, ha sostenuto che l’omosessualità maschile è il “fondamento simbolico” del patriarcato. Storica esponente del femminismo italiano Luisa Muraro è contraria alla gestazione per altri e sostiene che l’omo-patriarcato non sia finito.
Come riporta Gay.it, Muraro ha detto la sua sulla sentenza della Corte d’Appello di Trento che ha riconosciuto per la prima volta in Italia il legame non biologico tra due padri gay e i figli nati grazie alla maternità surrogata in Canada. I due, arrivati in Italia, avevano chiesto la trascrizione all’anagrafe dei bambini ma avevano ricevuto il rifiuto da parte delle impiegate di Trento. “Non possiamo trascriverli, hanno obiettato le impiegate, per fare un bambino ci vuole una madre – scrive Luisa Muraro -. Le giudici, invece, avendo studiato filosofia, hanno detto sì, quello che conta nella generazione di un essere umano è l’amore (detto anche eros) e la disposizione spirituale; il corpo è secondario. Anzi, in questo caso, surrogabile”. E, conclude la filosofa, “morale della favola: una madre in meno. La Cassazione casserà, già lo prevedo e mi chiedo: chissà che cosa ci avremo guadagnato noi donne”.
Tra i commenti alle dichiarazioni della filosofa Luisa Muraro, ci sono quelli in particolare, riporta Gay.it, degli attivisti e delle femministe delle nuove generazioni, che puntano invece a non collegare genere e cultura alla biologia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori