HAPPY EASTER/ I Carabinieri reggiani fanno scattare un’operazione di massima sicurezza stradale

- Matteo Fantozzi

Happy Easter, i Carabinieri reggiani adottano un’operazione di massima sicurezza stradale in vista di questi giorni di festa con esodo e controesodo da tenere sotto controllo. 

firme false m5s
(LaPresse)

L’operazione Happy Easter attuata a Reggio Emilia e provincia non sarà attuata solo ed esclusivamente per le autostrade, ma porterà al controllo anche di complessi industriali e centri abitati come riporta Sassuolo2000.it. L’intenzione è quello di prevenire truffe e furti nei confronti degli anziani per esempio. Ci saranno dunque anche molte ispezioni nei locali per evitare che vengano somministrati alcolici a chi poi si metterà al volante diventando quindi un pericolo per il pubblico. Saranno duecento i servizi di pattuglia automunita e quattrocento i Carabinieri impegnati nell’operazione in questione. Ovviamente l’interesse numero uno è che le persone possano vivere questi giorni di festa con grande tranquillità, evitando di incappare in situazioni difficili nei confronti di persone malintenzionate e pronte a delinquere. 

E’ stata messa in atto a Reggio Emilia e provincia l’operazione ”Happy Easter”. Sembra una festa per l’arrivo della Pasqua, invece è un’operazione di massima sicurezza stradale che si muoverà in Emilia Romagna. Si è lavorato per intensificare la presenza delle pattuglie con dei controlli militari in questo weekend pasquale. L’operazione è stata posta in essere dopo gli intendimenti del comandante Provinciale Colonnello Antonino Buda. Sono sesanta le pattuglie che sono state messe allerta e ben centoventi i militari adoperati nell’operazione. Questa servirà a fornire sicurezza stradale in vista di esodo e controesodo di massa per questo weekend lungo di vacanza. L’obiettivo ovviamente è quello di fornire indicazione e aiuto a chi si metterà in viaggio per evitare che ci siano dei problemi o degli incidenti. Di certo è un’operazione, Happy Easter, da prendere da esempio e su cui sarebbe necessario lavorassero anche molte altre città del nostro paese.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori