HO 128 ANNI E SONO ADOLF HITLER/ La bufala che corre veloce sul web frutto di un sito satirico americano

- Emanuela Longo

Adolf Hitler è vivo, si trova in Argentina ed ha 128 anni: dopo la notizia diffusa sul web, ecco la conferma. Si tratta di una pura bufala frutto di un sito satirico america.

adolf_hitler_wikipedia
Adolf Hitler

Nelle ultime ore, tra le notizie di cronaca più curiose era spuntata una presunta intervista rilasciata al giornale argentino El Patriota da tale Herman Guntherberg, uomo di origine tedesca che sosteneva di avere ben 128 anni ma soprattutto di essere il vero Adolf Hitler in carne ed ossa. Una dichiarazione oltremodo bizzarra, alla quale era stata addirittura allegata la foto del signore in questione, apparentemente più giovane dell’età dichiarata e dalla vaghissima somiglianza con le foto del dittatore che tutti noi conosciamo (nonostante l’assenza del famoso baffetto). L’intervistato, raccontava di spassarsela in Argentina, dove si era rifugiato dopo i fatti del 1945, grazie ad un passaporto falso procuratogli dalla Gestapo prima della fine del secondo conflitto mondiale. Ma perché avrebbe deciso di raccontare la sua “verità” solo ora, alla veneranda età di 128 anni? Herman Guntherberg avrebbe spiegato di essere venuto allo scoperto solo dopo la decisione dei servizi segreti israeliani di abbandonare la caccia ai criminali del terzo Reich, essendo ormai tutti morti. Tutti, meno che uno, stando alla sua versione. In tanti hanno chiaramente messo in dubbio le parole del fantomatico “Hitler”, ma la verità è un’altra ed a svelarcela è Bufale.net, sito specializzato ovviamente in notizie come questa.

Che l’esistenza di un Adolf Hitler ultracentenario ancora in vita fosse frutto della più fervida immaginazione era venuta in mente a tanti lettori, ma la verità è che la prima fonte ad aver dato la notizia prima che fosse diffusa dai quotidiani locali, è stata WNDR, l’americano World Daily News Report. Un sito di satira alla stregua del nazionale Lercio i cui articoli, come si legge nel disclaimer, sono basati su un contenuto puramente fittizio, trattandosi di personaggi immaginari. La notizia in questione sarebbe stata pubblicata lo scorso 13 giugno (come tutti i siti burla anche qui manca la data dell’articolo ma il portale specializzato in bufale avrebbe recuperato i dati dal codice della pagina web), e poi arricchita due giorni dopo. Ciò che è emerso, dunque, è che non esisterebbe alcun Herman Guntherberg presunto Hitler, né un quotidiano argentino dal nome El Patriota, così come la presunta moglie del fantomatico intervistato, il cui volto è stato tratto dal celebre portale di immagini e video Shutterstock. La notizia che tanto aveva fatto sorridere, dunque, altro non è che una bufala, sebbene nessuno (o solo in pochi) ne avessero riconosciuto i tratti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori