RAGAZZA GIRA NUDA A BOLOGNA/ Video, la 26enne di Aosta: “non volevo vestirmi”

- Niccolò Magnani

Ragazza gira nuda per le vie di Bologna: video, il mistero della 26enne di Aosta che ha paralizzato le vie del centro vicino alla Stazione, fermata dalla PolFer e multata di 3mila euro

ragazzza_nuda_bologna_aosta_video_twitter_2017
Ragazza nuda per le vie di Bologna (Twitter)

Mettete una giornata di caldo torrido a Bologna; mettete magari l’indecisione su cosa potervi mettere per cercare di essere il più leggere possibili e patire meno la calura. Mixate il tutto, e non verrebbe mai fuori quanto invece ha deciso di fare una giovane e bella ragazza originaria di Aosta per le vie del centro di Bologna: completamente nuda, sì sappiamo che ne avete sicuramente già sentito parlare in queste ore visto che è diventato il caso virale del giorno (e forse della settimana). Una ragazza normale, bella, bionda, con un tatuaggio e una borsa sulla spalla: ecco, normale tranne che per un unico dettaglio, che si è presentata al pubblico piacente (di specie maschile, soprattutto) completamente come mamma l’ha fatta. E ovviamente il video – anzi, i numerosi video comparsi in rete nel giro di pochi secondi dai tantissimi “spettatori” rimasti sorpresi dalla clamorosa “novità” – ha fatto il giro del web: si tratta di una 26enne di Aosta, avvisano le prime testimonianze che hanno assistito al momento in cui la Polizia Ferroviaria, notando (ed era impossibile non farlo) la ragazza nuda in giro per le vie attorno alla Stazione Centrale (da via San Donato fino in Montagnola e piazza XX Settembre).

RAGAZZA GIRA NUDA PER LE VIE DI BOLOGNA: IL MISTERO E LE ULTIME NOTIZIE

“NON VOLEVO VESTIRMI”

Mistero totale sul motivo di questa improvvisa compassata della ragazza per le vie di Bologna: gesto folle? Troppo caldo? finiti tutti i vestiti in lavatrice? Provocazione a scopo pubblicitario? 5 minuti di ordinaria notorietà? esperimento sociale? Le ipotesi sono tutte aperte signore e soprattutto signori, eppure non è passato in sordina il fatto avvenuto con la 26enne che ad un certo punto è stata fermata dalla PolFer e ha dovuto pagare 3300 euro di multa (sì avete letto bene!) per atti contrari alla pubblica decenza (i famosi atti osceni in luogo pubblico, sì esistono ancora). Pare dalle prime informazioni raggiunte, che la ragazza non ha spiegato il vero motivo ma semplicemente… beh, leggete e capirete: «Non avevo voglia di vestirmi. Volevo vincere la paura che provavo quando mi sentivo osservata». Attimi di notorietà sicuri, video su tutti i social e… una bella multa salatissima come “ingrediente” finale. Viva l’Italia!



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori