VITTORIO EMANUELE DI SAVOIA/ Condannato a 2 anni: calunniò Birgit Margot Hamer

- Francesco Agostini

Vittorio Emanuele di Savoia è stato condannato a due anni di carcere per aver accusato falsamente una donna di diffamazione. Il reato contestatogli è quindi quello di calunnia.

vittorio_emanuele_savoia_occhiali_lapresse_2017
Vittorio Emanuele di Savoia condannato per calunnia (Lapresse)

Non c’è pace per Vittorio Emanuele di Savoia. E’ di queste ultime ore la notizia secondo cui sarebbe stato condannato a ben due anni di reclusione per il reato di calunnia. L’oggetto di tale claunnia sarebbe una donna, Birgit Margot Hamer, accusata falsamente di diffamazione per aver scritto in un suo libro-verità (Delitto senza catigo, uscito nel 2011) che lo stesso Emanuele aveva ferito con un colpo di fucile il fratello della donna, Dirk Hamer. L’uomo, in seguito alla ferita provocata da Emanuele di Savoia, era poi deceduto, sollevando uno scandalo enorme da cui il principe non si sarebbe mai più ripreso. La calunnia sarebbe stata comminata a Vittorio Emanuele di Savoia perché assolutamente consapevole delle false accuse. Di conseguenza il reato sarebbe stato compiuto con assoluta determinazione e, cosa ancor più grave, premeditazione. Questo spiegherebbe la pena severissima commissionata dal giudice nei suoi confronti, pena che lo porterà a tornare nuovamente in carcere dopo l’esperienza di Vallettopoli.

SODDISFATTA BIRGIT MARGOT HAMER

L’accusa di calunnia comminata a Vittorio Emanuele si è resa concreta per delle esternazioni che lo stesso Vittorio Emanuele aveva avuto nei confronti del giudice Woodcock, proprio nell’esperienza del carcere dopo Vallettopoli. Fu lo stesso Vittorio Emanuele di Savoia a confidare in gran segreto (poi intercettato) di aver ‘fregato i giudici’, sapendo di compiere una falsa accusa per diffamazione. La confidenza, però, è costata cara al principe, che sarà costretto, questa volta, a fare sul serio il carcere (da Vallettopoli fu assolto con formula piena). Soddisfatta la sorella di Dirk Hamer, Birgit Margot Hamer, che ha sempre chiesto giustizia per la morte di suo fratello. La donna ha dichiarato che la sua è stata una vera e propria ‘traversata nel deserto’ ma che, finalmente, è riuscita ad ottenere qualcosa. La dedica per il risultato ottenuto, manco a farlo apposta, è stata proprio per suo fratello Dirk scomparso oramai quarant’anni fa in quel tragico incidente che gli costò la vita. Grande soddisfazione per la donna, quindi, e altro momento oscuro, invece, per Vittorio Emanuele di Savoia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori