Catania: si schianta con furgone, fugge a piedi, travolto da treno/ ‘Giallo’ e assurda tragedia ad Acireale

Acireale (Catania), corre col furgone contro mano per mezza città: si schianta contro un muro, fugge a piedi e viene travolto sui binari da un treno in corsa. Ecco cosa è successo

17.12.2018 - Niccolò Magnani
quincinetto
Uomo travolto dal treno a Quincinetto (Pixabay, 2018)

Una dinamica così assurda che parrebbe un film, ma quanto avvenuto ieri sera ad Acireale (Catania) è purtroppo tutto vero: si schianta con il proprio furgone contro un muro e mentre fugge a piedi viene travolto da un treno a fianco alla Statale 114 Catania-Messina. Ha perso così la vita un 36enne di Paternò, Ivan Martella, colpito mortalmente da un treno regionale diretto a Catania: secondo quanto riportato dal Giornale di Sicilia, un “dettaglio” in più aiuterebbe a comprendere meglio il perché di una fuga così assurda e “sbadata” che ha portato fino alla morte sui binari contro un treno in corsa. Ieri sera nel centro di Acireale ad un certo punto un furgone inizia a seminare il panico, andando contromano e a folle velocità evitando di pochi centimetri passanti, altre auto e negozi. Ad un certo punto però l’uomo con il proprio Ducato bianco (intestato ad una ditta ortofrutticola) si schianta contro un muro di cemento appena dopo Piazza Duomo, all’altezza del bar-ristorante Bellavista.

ASSURDA TRAGEDIA NELLA NOTTE AD ACIREALE

Probabilmente conscio di aver violato diverse regole stradali e penali (e chissà, forse anche in stato di ebbrezza o sotto uso di sostanze stupefacenti), inizia la fuga superando il muretto di cemento: qui però l’imponderabile e il “giallo” ancora non spiegato dagli esami della Scientifica. Non è infatti chiaro se si sia buttato sotto il treno in arrivo, se saltando dal muretto sia inciampato e finito sui binari o se addirittura abbia cominciato a correre sui binari per scappare dal luogo dell’incidente e lì sia avvenuto l’impatto fatale. Sta di fatto che qualcosa è intervenuto per arrivare ad una dinamica così assurda e dagli esiti purtroppo così tragici: pare che un agente di polizia, durante la folle corsa in mezzo alla città, abbia iniziato a seguire Ivan Martella per provare ad arrestarlo e forse dalla paura di essere preso si è arrischiato troppo in là verso i binari trovando assurdamente la morte a soli 36 anni. Sono invece del tutto ignoti e sconosciuti i motivi per cui abbia scelto di correre contromano per mezza Acireale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA