DIMENTICA FIGLIA DI 3 ANNI IN MACCHINA PER GIOCARE ALLE SLOT/ Bimba salva grazie a finestrini, papà denunciato

Dimentica figlia di 3 anni in macchina per giocare alle slot machine: Cagliari, bimba salva grazie ai finestrini rimasti leggermente aperti, il papà è stato denunciato.

06.12.2018 - Dario D'Angelo
Carabinieri Napoli, immagini di repertorio
Carabinieri, immagini di repertorio

Sembrava tutto pronto a Pirri, Cagliari, perché si ripetesse il tragico copione diventato ormai un classico, secondo cui un papà o una mamma dimenticano il proprio figlio in macchina provocandone la morte per asfissia. Fortuna ha voluto che la vittima designata della nostra storia, una bambina di 3 anni lasciata in auto dal padre per andare a giocare alle slot-machine, si sia salvata grazie al fatto che i finestrini della macchina fossero leggermente abbassati. Tutto questo è accaduto nel tardo pomeriggio di ieri, come riportato da Casteddu Online, quando un albanese classe 1988 che esercita la professione di cuoco, ha lasciato incustodita la piccola nella proprio autovettura, parcheggiata in via Pepe allo scopo di intrattenersi con le slot per più di 40 minuti all’interno del bar “Mondo”, sito nella vicina via Santa Maria Chiara.

DIMENTICA FIGLIA DI 3 ANNI IN AUTO, UOMO DENUNCIATO

Quando i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Cagliari sono intervenuti per liberare la piccola dalla macchina del padre, hanno trovato le portiere chiuse e i finestrini leggermente abbassati. Una circostanza, quest’ultima, rivelatasi decisiva per evitare il decesso della piccola. Sono stati gli stessi militari, oggi, dopo gli accertamenti investigativi del caso, a denunciare all’autorità giudiziaria il 30enne cuoco albanese per il reato di abbandono di persone minori o incapaci. Come riportato da Casteddu Online, i carabinieri intervenuti per prestare assistenza alla minore, dopo averla liberata hanno trovato la stessa in buone condizioni psico-fisiche. Una vicenda conclusasi dunque con un lieto fine ma che avrebbe potuto avere conseguenze ben peggiori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA