DON GIORGIO BATTIFORA/ Morto il sacerdote ligure, a lungo missionario in Brasile

- Paolo Vites

E’ scomparso all’età di 84 anni dopo lunga malattia don Giorgio Battifora, originario di Santa Margherita Ligure, a lungo missionario in Brasile, ecco chi era

battifora_fb
Don Giorgio Battifora

Conosciuto e amato dai tanti che lo avevano avuto come parroco nelle molte chiese liguri dove aveva prestato servizio, è morto don Giorgio Battifora, aveva 84 anni e da tempo era malato. Entrato in seminario a circa 30 anni di età, aveva dedicato il resto della vita al servizio della Chiesa e dei fedeli, con uno spirito vivace e inconfondibile, caratterizzato dalla gioiosa voglia di scherzare, ma sapeva essere burbero e severo quando le occasioni lo richiedevano. Ordinato sacerdote il 23 maggio 1965  a Santa Margherita Ligure, quindi era stato parroco di Verzi di Lorsica fino al 1967 e contemporaneamente vice parroco a Cicagna. Dal 1972 al 1984 era diventato parroco di Santa Margherita di Fossa Lupara a Sestri Levante, periodo in cui conobbe il movimento di Comunione e Liberazione a cui aderì subito con entusiasmo.

La sua parrocchia era il luogo di incontro di centinaia di ragazzini delle medie inferiori che qui vivevano alla domenica pomeriggio momenti educativi di convivenza che attraevano sempre più persone. Trasferito dal 1984 al 1988 a San Paolo in Pila, attratto dalla sua inarrestabile voglia di dedicarsi al prossimo, aveva scelto la vita missionaria come sacerdote fidei bonum, andando a vivere nella diocesi di Belo Horizonte in Brasile per 13 anni, dove aveva lasciato un segno inconfondibile. Quindi, per raggiunti limiti di età, era andato a servire a Caperana fino al 2009, poi tornato nella sua Santa Margherita Ligure continuando a manifestare però il desiderio di tornare in Brasile. Gravi condizioni di salute glie lo hanno impedito, ma don Batti, come lo chiamavano gli amici, è sempre stato disponibile a collaborare con i parroci locali. Lascia un vuoto enorme, un pezzo di storia che vivrà nella sua eredità spirituale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori