MACERATA, PAMELA MASTROPIETRO/ Ultime notizie: si attendono altri esami, ma l’inchiesta accelera

Pamela Mastroprietro: seconda autopsia non chiarisce i dubbi degli inquirenti. “Colpita alla testa e accoltellata al fegato”. Fermato altri due nigeriani: l’inchiesta accelera

09.02.2018 - Emanuela Longo
pamela_mastropietro_18enne_uccisa_pezzi_macerata_twitter_2018
Diminuiscono le accuse nei confronti dei tre nigeriani

Ha avuto un’accelerazione improvvisa l’inchiesta sulla morte di Pamela Mastropietro. L’autopsia bis eseguita ieri non ha chiarito le cause del decesso, ma ha riscontrato varie lesioni sul corpo, alla testa e all’altezza del fegato. Sono state inferte prima o dopo la morte della 18enne romana? Decisivi saranno altri esami di laboratorio, oltre a quelli tossicologici. L’esame autoptico ha però rilevato un sezionamento quasi “scientifico” del cadavere. Sarebbero servite molte ore per farlo, oltre alla mano di persone esperte. Questo dettaglio, come riportato dall’Ansa, ha messo i carabinieri sulle tracce di due nigeriani. Ora gli inquirenti, dopo averli interrogati, stanno vagliando movimenti e alibi. Intanto Innocent Oseghale nella sua seconda versione ha spiegato di essere salito in casa con la ragazza e Desmond Lucky, chiamato come fornitore di una dose di eroina per la 18enne. Quando Pamela è andata in overdose, ha raccontato, sarebbe scappato, trovando poi nell’abitazione le valigie con il corpo già sezionato. Desmond invece sostiene di non aver mai spacciato né di essere stato in quella mansarda.

Pamela potrebbe essere stata stroncata dalla dose di eroina dopo quattro mesi che non ne assumeva e poi fatta a pezzi per sviare le tracce o potrebbe essere stata aggredita e uccisa in una collutazione. Le ipotesi al momento non sono suffragate da prove, neppure scientifiche. Gli accertamenti tecnici, per i quali bisognerà aspettare ancora qualche giorno, saranno utili per dare alcune certezze. (agg. di Silvana Palazzo)

PIÙ PERSONE COINVOLTE NELLA MORTE DI PAMELA MASTROPIETRO

Ormai il quadro degli inquirenti si sta stringendo e sembra chiaro come nell’omicidio di Pamela Mastropietro i responsabili siano stati più di uno. E’ ormai evidente come il ruolo del nigeriano Innocent Oshegale non sia stato esclusivo nella morte della 18enne tossicodipendente, e soprattutto del successivo, terribile, smembramento del suo corpo. Oshegale ha fornito informazioni agli investigatori spiegando quale fosse la rete di spacciatori dalla quale arrivava la droga di cui Pamela era andata a rifornirsi. I dubbi sulla sorte della ragazza sono ancora numerosi, visto che non è chiaro se la morte sia stata causata da un omicidio violento, forse con una coltellata, oppure da un abuso di sostanze stupefacenti. I sospettati potrebbero essere dunque più di due, ma ancora non sono arrivate notizie o conferme riguardo eventuali stati di fermo disposti dalla Polizia. (agg. di Fabio Belli) 

BLOCCATO NIGERIANO A MILANO

Qualche ora fa il procuratore di Macerata aveva “anticipato” lo sviluppo delle indagini che in queste ultime ore hanno visto altri due fermi di nigeriani forse coinvolti nell’omicidio di Pamela Mastropietro. Il pm Giovanni Giorgio aveva detto, «sono in corso e si protrarranno per l’intera giornata audizioni e chiarimenti di più soggetti di nazionalità nigeriana. Non sono stati effettuati fermi»; la precisazione è giunta dopo il primo fermo a Milano e prima degli interrogatori fitti anche all’altro originario della Nigeria che cercava la fuga lontano da Macerata. Le indagini proseguono a stretto giro e si concentrano su sue piste principalI: morte per overdose e disfacimento successivo del corpo per nascondere le prove di una eccessiva dose somministrata; omicidio volontario, forse dopo averla drogata apposta per renderla innocua. Ancora l’autopsia non ha sciolto ogni eventuale dubbio su queste due ipotesi di reato e il destino del caso di Pamela rischia di protrarsi ancora per le lunghe, con sempre più soggetti protagonisti di quelle ultimi, fatali e tremende ore di vita della ragazza con problemi di tossicodipendenza. (agg. di Niccolò Magnani)

FERMATI DUE NIGERIANI FORSE COINVOLTI

Nuova svolta nel caso di Pamela Mastropietro: altri due uomini nigeriani sono stati bloccati e sottoposti attualmente a interrogatorio. Lo riporta Il Resto del Carlino che svela l’avvenuto blitz dei carabinieri durante il quale uno degli uomini è stato fermato a Milano mentre tentava, a quanto pare, di scappare in Svizzera. Si tratta di un giovane di 27 anni, bloccato dai carabinieri milanesi che hanno eseguito il fermo su indicazione dei colleghi di Macerata. Secondo le prime indiscrezioni, potrebbe essere proprio lui l’autore dello scempio compiuto sul corpo della giovane. Il secondo nigeriano bloccato è stato portato in caserma a Macerata e sottoposto anche lui ad interrogatorio. In merito al primo uomo fermato, il quale avrebbe avuto un ruolo nell’omicidio di Pamela, i militari lo sarebbero consegnando ai colleghi maceratesi. In carcere dopo il fermo della settimana scorsa ci sarebbe il primo nigeriano indagato, Innocent Oseghale, mentre nei giorni scorsi è emerso un nuovo nome iscritto anche lui nel registro degli indagati, ovvero Lucky Desmond, reo di aver ceduto una dose seppur “modestissima” di eroina alla vittima. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

COLPITA ALLA TESTA E ACCOLTELLATA AL FEGATO

La novità di giornata per il caso di Pamela Mastropietro è certamente il risultato, anzi i primi risultati, degli esami condotti sui resti ritrovati della povera 19enne morta in maniera orribile. E la pista dell’overdose si allontana, forse definitivamente: «Un colpo alla tempia con un oggetto contundente oppure uno spigolo, una coltellata al fegato e una dose (probabilmente letale) di droga». Gli inquirenti si tengono comunque cauti sui complessi e definitivi risultati dell’autopsia che verranno svelati solo nei prossimi giorni, appena saranno disponibili. Quello che poi è certo è che il sezionamento del cadavere dopo la sua morte è stato fatto in modo completamente scientifico: «il sezionamento del cadavere è stato fatto in modo scientifico per cancellare le prove», ha detto il professore di Macerata che ha compiuto l’autopsia, Mariano Cingolani. «Io, con gli strumenti giusti e un tavolo operatorio ci avrei messo almeno 10 ore per sezionare un corpo in quel modo, non posso credere che sia stato fatto in una vasca da bagno», conclude l’esperto autoptico. (agg. di Niccolò Magnani)

LE ULTIME NOVITÀ A QUARTO GRADO

La trasmissione Quarto Grado, torna anche questa settimana con un nuovo appuntamento in prima serata, durante il quale si occuperà dei drammatici fatti di Macerata che hanno scosso l’intera opinione pubblica, in seguito alla morte di Pamela Mastropietro. Il giallo sulla sua terribile fine sembra essere ancora molto lontano dalla verità poiché anche la seconda autopsia compiuta ieri mattina sui resti del suo cadavere, fatto a pezzi “in modo scientifico”, non avrebbe affatto chiarito i dubbi sulla sua morte. Il decesso della 18enne romana sarebbe da ricondurre, dunque, ad una overdose letale o alla furia assassina dell’uomo? Un dubbio, questo, al quale con i dati finora in mano agli inquirenti appare estremamente difficile rispondere. Per sciogliere l’enigma, infatti, la procura di Macerata aveva espressamente chiesto un secondo esame autoptico che ha però escluso la presenza di liquidi organici, testimonianza di un lavoro di pulitura lungo e meticoloso. Come anticipa Repubblica.it, saranno dunque necessari ulteriori esami di natura tossicologica ed istologica per tentare di definire la causa dietro la morte della giovane, prima che venisse ridotta a pezzi e occultata in due valigie.

Dopo essere scappata dalla comunità di recupero Par di Corridonia, lo scorso 29 gennaio, di Pamela si erano perse le tracce, fino al macabro ritrovamento. Oscure, ancora oggi, le sue ultime ore di vita, ad eccezione di quelle ultime immagini che il giorno successivo alla scomparsa la immortalavano con Innocent Oseghale, lo spacciatore nigeriano di 29 anni oggi in carcere con le accuse di vilipendio e occultamento di cadavere, ma non di omicidio, proprio per mancanza di prove. Era insieme a Pamela quando la giovane entrò in una farmacia di Macerata per comprare una siringa, il cui scontrino, insieme ad altre tracce della presenza della 18enne, sono stati poi rinvenuti nell’appartamento dell’africano.

PAMELA MASTROPIETRO: IL SECONDO SPACCIATORE INDAGATO

Da qualche giorno nel registro degli indagati è stato iscritto anche un secondo nome in merito alla morte di Pamela Mastropietro. Si tratta di Desmond Lucky, anche lui nigeriano e come Oseghale spacciatore, indicato proprio da lui come il responsabile dell’ultima di droga venduta alla ragazza. Proprio nella giornata di ieri, come riporta Repubblica.it, da fonti giudiziarie è stato possibile apprendere il motivo per il quale il secondo soggetto, a differenza del primo, non è stato fermato. Secondo la procura il secondo nigeriano avrebbe ceduto a Pamela una dose “modestissima” di eroina che va ad aggiungersi alle ipotesi accusatorie già note, ovvero concorso in omicidio, occultamento e vilipendio di cadavere. Tale quantità ridotta di droga, secondo le fonti, non consentirebbe l’emissione di un provvedimento di custodia cautelare a suo carico. Non sarebbe infatti contestabile l’accusa di morte in conseguenza di altro reato poiché non ci sarebbero sufficienti elementi per ritenere che Lucky fosse a conoscenza del fatto che la vita di Pamela potesse essere messa a rischio dall’assunzione di una piccola dose di eroina. La morte della 18enne, dunque, non poteva essere prevista. Il secondo nigeriano ad oggi avrebbe respinto le accuse avanzate dal connazionale, compresa quella di spaccio.

I commenti dei lettori