CANDIDE RENARD DENUNCIA STUPRO AL REALITY KOH-LANTA/ Ultime notizie: interrogato per quattro ore il sospettato

- Niccolò Magnani

Candide Renard, 21enne figlia del ct del Marocco Harvè: “sono stata stuprata durante il reality Koh-Lanta”. Ultime notizie: lo show sospeso, il concorrente accusato smentisce tutto

candide_renard_ct_marocco_reality_twitter_2018
Candide e Harvè Renard (Twitter: Telefoot)

Ci sono importanti novità sul caso che sta scandalizzando la Francia: il presunto stupro di Candide Renard, figlia dell’attuale ct del Marocco, durante il reality Koh-Lanta. Per alcune ore è stato trattenuto in un commissariato di polizia Eddy Guyot, considerato il presunto aggressore. È stato interrogato per quattro ore dagli investigatori dopo essere stato fermato questa mattina quando è sceso dall’aereo che lo ha riportato in Francia. I due concorrenti coinvolti nel reality sono stati infatti sospesi dal programma, che poi è stato cancellato. L’indagine è destinata a proseguire: come riportato da France Soir, diversi testimoni presto saranno ascoltati. Ta loro c’è un testimone che sostiene di essere stato presente al momento del fattaccio e di non aver visto nessun approccio sessuale. Inoltre, ha negato la tesi che i due ad un certo punto si siano isolati. Intanto il reality show Koh-Lanta deve fare i conti con una perdita economica sostanziosa. Per TF1 si parla di ben 20 milioni di euro. (agg. di Silvana Palazzo)

CANDIDE RENARD DENUNCIA STUPRO, REALITY INTERROTTO

Violentata nel corso di un reality show. Questa è l’agghiacciate esperienza che sarebbe accaduta alla giovanissima Candide Renard, figlia dell’attuale ct del Marocco, Hervé Renard. La ragazza di appena 21 anni, stava prendendo parte in Francia, dell’ultima stagione di Koh-Lanta, format televisivo che strizza l’occhio sia a Survivor che all’Isola dei famosi. La ragazza in base a ciò che si apprende su Le Parisien, avrebbe già presentato la sua denuncia affermando di essere stata stuprata da un altro concorrente della stessa trasmissione. Lui invece, ha assolutamente negato la violenza comunicando che si difenderà nelle sedi legali opportune. Il programma nel frattempo, è stato immediatamente interrotto mentre la giovane, che per partecipare al reality aveva raggiunto le isole Fiji, è istantaneamente rientrata in Francia. Il reality show in causa, prende il nome dall’isola thailandese che aveva accolto la sua prima edizione, che risale ormai al 2001. Negli anni seguenti era stato girato in diverse località esotiche. La trasmissione in questione, era già stata al centro di altre polemiche e sospensioni nel 2013 quando un concorrente è morto per un arresto cardiaco. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

Candide Renard violentata durante il reality show?

Candide Renard nel frattempo attualmente si trova in Francia. La notizia nelle ultime ore è stata anche ufficializzata da grande parte dei media francesi attraverso le dichiarazioni ufficiali del padre Hervé Renard, allenatore di grande fama e vincitore della Coppa d’Africa nel 2012 come ct dello Zambia e nel 2015 alla guida della Costa d’Avorio. Al momento non è chiaro se questa nuova edizione di Koh-Lanta continuerà oppure se l’interruzione sarà da valutarsi decisiva. Così come si legge sul magazine “Le Parisien”, il concorrente raggiunto dalla denuncia – sulla cui identità al momento trapelano soltanto delle indiscrezioni ufficiose – ha contestato con veemenza ogni tipo di accusa a suo carico. Staremo a vedere come si concluderà questa spinosa faccenda e se ci saranno ulteriori novità in merito con il passare dei giorni. (Aggiornamento di Valentina Gambino)

Scandalo in Francia

Scandalo in Francia con una denuncia che, se confermata, rischia di divenire un autentico caso nazionale: come riporta le Parisien, la figlia Candide Renard dell’allenatore del Marocco, Hervè Renard, ha denunciato di stupro un suo compagno concorrente durante un reality show molto conosciuto in Francia e non solo, il “Koh-Lanta” che da noi potrebbe essere tranquillamente essere paragonabile all’Isola dei Famosi. Ha raccontato di aver subito un’aggressione durante il reality ambientato alle Isole Figi: nessuno avrebbe le prove certe, almeno fino al momento, ma nonostante ciò la produzione ha deciso di sospendere immediatamente le puntate della nota trasmissione. Lo scandalo ha iniziato a montare in pochissime ore con i dettagli che ancora restano all’oscuro a riguardo di un bruttissimo fattaccio avvenuto, pare, a telecamere spente. Il ct attuale del Marocco è un personaggio molto noto in Francia non solo per il suo ruolo di allenatore ma anche per aver partecipato a diverse trasmissioni sportive e non dimostrandosi sempre molto istrionico e divertente: la figlia, 21enne assai attraente, è una delle regine dei social francesi con moltissimi followers che la seguono su Instagram.

Reality sospeso

Secondo i colleghi del Parisien, Candide Renard ha denunciato di essere vittima di abusi da parte di un altro concorrente che però – a quanto pare dalla produzione – ha negato ogni accusa e ha fatto sapere di voler agire e tutelarsi in sede legale nei prossimi giorni. Al netto di tutto ciò, gli autori hanno deciso di interrompere seduta stante le riprese a tempo indeterminato, mentre la giovane francese ha fatto ritorno in patria dalle Fiji senza voler stare un solo singolo minuto in più là dove, secondo la sua denuncia, sarebbe stata violentata. “Koh Lanta” è simile all’Isola dei Famosi, ma include prove molto più dure dal punto di vista fisico e consente al vincitore di aggiudicarsi la ragguardevole somma di 100mila euro: è un programma che però non è la prima volta che finisce nell’occhio del ciclone. Nel lontano 2013 infatti un concorrente morì all’improvviso dopo un arresto cardiaco e la trasmissione ovviamente venne annullata e sospesa per un anno; l’accusa di stupro riluce tutta un’altra gravità non meno seria del 2013, seppure con conseguenze ovviamente “meno negative”. Harvè Renard è uno degli allenatori più vincenti della storia del calcio africano, dove ha realmente segnato quasi tutta la sua carriera; ha conquistato la Coppa d’Africa con lo Zambia nel 2012 e con la Costa d’Avorio nel 2015 e ora ha guidato e qualificato incredibilmente il Marocco verso i Mondiali di Russia del prossimo giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori