Recensioni false su TripAdvisor/ Condannato a 9 mesi e 8mila euro di multa

- Matteo Fantozzi

Il proprietario di PromoSalento è stato condannato a 9 mesi di carcere per recensioni false su TripAdvisor. Multa da 8mila euro, vendeva pacchetti di commenti inventati.

tripadvisor Recensioni false su TripAdvisor

Il proprietario di PromoSalento è stato condannato a 9 mesi di carcere e 8mila euro di multa per delle recensioni false pubblicate su TripAdvisor. La decisione del Tribunale di Lecce potrebbe un precedente, mettendo la parola termine su una delle tante piaghe della rete. Tutti abbiamo lasciato prima o dopo una recensione sul noto portale per un ristorante che ci ha fatto impazzire per consigliarlo oppure che ci ha fatto venire i brividi per evitare ad altre persone la stessa esperienza. In molti purtroppo si divertono a pubblicare recensioni false, anche se c’è da dire che stiamo parlando di due cose molto diverse se si fa riferimento a quanto accaduto in Puglia. Il proprietario di PromoSalento infatti vendeva pacchetti di recensioni false e si faceva anche pagare bene. Il suo è stato considerato un reato molto grave, punendolo anche con la reclusione per nove mesi.

IL COMMENTO DI BRAD YOUNG

In merito all’allarme recensioni false su TripAdvisor ha parlato Brad Young vice presidente e associate general counsel dell’azienda. Come riportato dal portale online de La Repubblica ha sottolineato: “Crediamo che si tratti di una sentenza storica per internet. Scrivere recensioni false per noi ha sempre rappresentato una violazione della legge questa però è la prima volta che come risultato finale abbiamo l’incarcerazione del truffatore. Investiamo molto nella prevenzione delle frodi e siamo efficaci nell’individuarle. Basti pensare che dal 2015 a oggi abbiamo bloccato più di sessanta anziende di recensioni a pagamento in giro per il mondo. Non possiamo però fare tutto da soli ed è per questo che desideriamo renderci disponibili per collaborare con le autorità competenti e le forze dell’ordine per supportare i loro procedimenti penali“.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie

Ultime notizie