Meredith Kercher, venduta la villa dell’omicidio/ “Diventerà un bed and breakfast e un museo del crimine”

Meredith Kercher, venduta la villa dell’omicidio: “Diventerà un bed and breakfast e un museo del crimine”. Le indiscrezioni sul luogo dell’efferato delitto della studentessa inglese

09.01.2019 - Silvana Palazzo
meredith_kercher_quarto_grado_01
Meredith Kercher (foto da Quarto Grado)

La villa in cui fu uccisa Meredith Kercher potrebbe diventare un bed and breakfast. L’idea è di un bancario 50enne che avrebbe avanzato una proposta di acquisto per un prezzo di 295mila euro. E l’offerta sarebbe stata accettata, ma sulla vendita per ora c’è massimo riserbo. Una “villa in campagna in pieno centro storico”, così veniva descritta sul sito dell’agenzia Mediaimmobiliare di Perugia che curava le trattative. Ne indicava anche il prezzo, 295mila euro. Quello che qualche giorno fa avrebbe offerto il bancario pescarese per realizzarvi una struttura ricettiva mai vista prima. Stando a quanto riportato da Il Messaggero, l’idea è di trasformare la villa in un bed and breakfast molto particolare e al tempo stesso una sorta di museo per gli appassionati del crimine. L’indiscrezione però non è stata ancora confermata dalla agenzia immobiliare che cura la vendita. Contattata dall’agenzia di stampa Ansa, però, l’agenzia immobiliare di Perugia che cura la vendita non ha confermato l’esistenza della proposta d’acquisto sostenendo che la casa sarebbe ancora sul mercato.

MEREDITH KERCHER, VENDUTA LA VILLA DELL’OMICIDIO

Dopo l’omicidio della studentessa inglese, la casa di via della Pergola a Perugia è rimasta a lungo disabitata, con grande difficoltà da parte dei proprietari ad affittarla. Dissequestrata due anni dopo dopo l’omicidio, ha subito diversi interventi di ristrutturazione che l’hanno cambiata completamente negli interni e all’esterno. Come riportato da Il Messaggero, nonostante ciò, è rimasta vuota per diverso tempo. Poi la storica proprietaria, che si è costituita parte civile nel processo, è riuscita ad affittarla. Inizialmente la villetta è stata abitata da studenti, poi da una famiglia di marocchini. Nel 2015, dopo diverse vicissitudini, è stata venduta ad una coppia di perugini, ma anche stavolta, nonostante un rinnovamento, è rimasta vuota per tanto tempo. Nel 2017 è stata addirittura oggetto di interventi strutturali e antisismici, ma neppure questo è servito a cancellare il ricordo di quell’omicidio efferato. Per anni è stata solo meta di un macabro pellegrinaggio, quindi nel novembre scorso è stata messa di nuovo in vendita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA