Ultime notizie/ Di oggi, ultim’ora: M5s, Beppe Grillo contestato da no-vax a Bologna (13 febbraio 2019)

Le ultime notizie di oggi, 13 febbraio 2019: Grillo contestato a Bologna, frecciatina agli abruzzesi. Arrivata l’analisi costi-benefici Tav. Caos in Russia.

ultime notizie
Beppe Grillo

Tempi duri per il M5s ma anche per il suo fondatore Beppe Grillo. Come sottolineato da Repubblica, il comico genovese è stato contestato al Teatro delle Celebrazioni di Bologna da una delegazioni di no vax per aver ceduto alle posizioni dei pro vaccini. Dopo aver esposto uno striscione che indicava i morti da vaccino, il nutrito gruppo ha destinato un coro al fondatore del M5s: «Grillo hai rotto i cog*ioni». Nonostante un tentativo di mediazione, con Grillo che ha provato a spiegare che la scienza coltiva il dubbio e non ci sono certezze, ha deciso di andarsene. Ma non è finita qui. L’ex garante pentastellato si è soffermato sulla batosta alle recenti elezioni regionali in Abruzzo: «Prendo il Malox per le elezioni. Gli abruzzesi hanno scelto liberamente, ma adesso, per favore, ci ridiano 700 mila euro, le quattro ambulanze e la turbina antineve che a noi a Genova ci servono».

ULTIME NOTIZIE TAV, ARRIVATA L’ANALISI COSTI-BENEFICI

E’ stata resa nota finalmente la tanto attesa analisi costi-benefici sulla TAV, negativa per almeno 7 miliardi di euro secondo il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli. Il report, presentato da una commissione “indipendente”, non è stato firmato da tutti e sei gli esperti coinvolti ma solamente da cinque. Il documento ha suscitato non solo le critiche dell’opposizione di governo ma anche quelle della controparte francese, con il presidente del comitato transalpino che parla di un documento “straordinariamente di parte”. Di “analisi truffa” si tratta invece secondo il commissario di governo per la Torino-Lione, Paolo Foietta. Il presidente della regione Piemonte Sergio Chiamparino, invece, ironicamente afferma che l’analisi è come “affidare a Dracula la sorveglianza sulla banca del sangue”.

ULTIME NOTIZIE SARDEGNA, MATTEO SALVINI SPONSORIZZA I PASTORI

Non pago della vittoria in Abruzzo Matteo Salvini, scavalca il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e diventa di fatto lo sponsor dei pastori sardi. Ieri a Montecitorio il ministro dell’Interno ha dichiarato dinanzi ad una delegazione di pastori che è sua intenzione convocare un tavolo di trattativa che dovrebbe garantire un prezzo più equo per la vendita del latte prodotto in Sardegna. Intanto le proteste degli allevatori continuano senza sosta, l’associazione Coldiretti ha stimato che nelle ultime settimane sono stati distrutti almeno un milione di litri di latte. Ieri la protesta si è trasferita nella parte sud occidentale dell’isola, dove un centinaio di pastori ha utilizzato il loro latte per produrre formaggi da regalare alla popolazione, alla protesta si sono uniti anche diversi sindaci della regione.

ULTIME NOTIZIE REGGIO EMILIA, NASCONDE IL CORPO DELLA MADRE PER MESI E SI SUICIDA

Una scena da film quella che i pompieri e i carabinieri hanno vissuto nel momento in cui sono entrati in una casa di Cadelbosco Sopra, un piccolo centro in provincia di Reggio Emilia. Su un letto hanno trovato il corpo di un 59enne probabilmente deceduto per un colpo di fucile sparato autonomamente, ma non è stato questo a rendere la scoperta agghiacciante quanto il fatto che nella stanza da letto giaceva il cadavere dell’anziana madre in avanzato stato di mummificazione. Dai primi riscontri l’anziana donna sarebbe morta almeno da otto mesi, domenica o al più tardi lunedì il suicidio del figlio. A rendere ancor più macabra la scoperta il corpo senza vita del cane, ucciso dall’uomo sempre con un colpo di fucile.

ULTIME NOTIZIE LA RUSSIA VUOLE DISCONNETTERSI DA INTERNET

La Russia sta iniziando un test che mira alla creazione di una rete internet interna ai confini del paese. La notizia, confermata da più fonti, trova riscontro nell’approvazione di una legge dal parlamento russo: la norma, denominata “Programma nazionale di economia digitale”, mira alla creazione delle architetture informatiche per poter gestire internamente una rete simile alla rete internet. Dalle prime notizie, la legge è stata varata per tutelarsi in caso di “cyber guerra”, ma gli oppositori interni sottolineano che le intenzioni del governo sono quelle di operare un blocco allo scopo di attuare una censura preventiva sulle notizie in ingresso. Il primo test dovrebbe avvenire entro il mese di marzo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA