Bare ammassate nel cimitero: choc a Sora/ Aria fetida e liquami: “Una cosa orribile”

- Silvana Palazzo

Sora, choc in cimitero: bare ammassate, aria fetida e liquami. La rabbia dei famigliari: “Una cosa orribile”

Croce-Crocifisso-defunti-lapide-cimitero-dolore-sofferenza
(InfoPhoto)

Decine di bare ammucchiate in attesa di essere smaltite. Questo l’indecoroso spettacolo nel cimitero comunale di Sora. Questa situazione va avanti da giorni: neppure le polemiche scoppiate per la presenza di questa discarica a cielo aperto all’interno del camposanto è servita a cambiare le cose. Le persone che si recano quotidianamente per portare un fiore ai propri cari si ritrovano da giorni a dover sopportare anche un’aria fetida e maleodorante, dovuta alla presenza delle bare aperte da cui peraltro fuoriesce pure del liquido. E questa è la situazione che si sono trovati ieri un centinaio di persone arrivati per un funerale. Molti cittadini chiedono che quelle bare vengano rimosse al più preso. «Ieri ero con il mio nipotino che mi ha chiesto “zio cosa è questa puzza?”. Non sapevo cosa dire», ha dichiarato un signore a Il Messaggero. Il signor Massimo ha raccontato che erano a pochi metri da quello «scempio» e si è sentito avvilito. «Non c’è più rispetto per niente e nessuno. Era pieno di mosche anche perché la temperatura era abbastanza alta».

BARE AMMASSATE NEL CIMITERO: CHOC A SORA

Le piogge dei giorni scorsi hanno peggiorato la situazione, perché i liquidi sono scolati a terra. «Davvero una cosa orribile», raccontano i cittadini di Sora a Il Messaggero. E tutti si chiedono una cosa sola: come è possibile che non è intervenuto ancora nessuno dal Comune? «Io ho anche chiesto ad un operaio che si trovava lì vicino e che mi ha detto che loro sono troppo pochi per gestire un cimitero grande come quello di Sora», ha dichiarato il signor Massimo. La pratica delle estumulazioni prevede l’apertura delle sepolture più antiche e il trasferimento dei defunti negli ossari. In questo modo il loculo viene sgombrato dalle bare. Queste devono essere distrutte e posizionate in grossi sacchi per essere trasportate nei centri di smistamento appositi. La parte in legno può essere sotterrata in discarica, ma non è facile smaltire lo zinco, che va affidato a ditte specializzate. Il problema è che la “sosta” delle bare nel cimitero si sta prolungando provocando la fuoriuscita di liquami, con le relative conseguenze igieniche-sanitarie.



© RIPRODUZIONE RISERVATA