Terremoto a Cerignola da 3.1 ML/ Scossa in provincia di Foggia (oggi, 15 aprile)

- Matteo Fantozzi

Si è verificato un terremoto a Cerignola da 3.1 ML attorno alle ore 21.19. Si tratta di una scossa con epicentro a 4 km a ovest dal Comune nel foggiano

terremoto cerignola 2019 web
Terremoto a Cerignola da 3.1 ML

Si è verificato un terremoto a Cerignola da 3.1 ML attorno alle ore 21.19. Si tratta di una scossa con epicentro a 4 km a ovest dal Comune nel foggiano precisamente alle coordinate: 41.27 latitudine, 15.86 longitudine. L’ipocentro invece è stato evidenziato a 3 km di profondità dalla superficie terrestre. I comuni nel raggio di 20 km da questo sono: Stornara (FG); Stornarella (FG); Orta Nova (FG); Carapelle (FG); Canosa di Puglia (BT); San Ferdinando di Puglia (BT) e Ordona (FG). Va evidenziato come la scossa si sia verificata a 34 km a sud-est da Foggia. Al momento non dovrebbero esserci problemi gravi né a persone né cose anche se la scossa si è verificata all’interno del centro abitato con relativa paura e segnalazione da parte degli abitanti soprattutto del comune di Cerignola. Staremo a vedere se nelle prossime ore arriveranno ulteriori informazioni in merito a questa scossa di terremoto.

Terremoto a Cerignola da 3.1 ML: Scossa in provincia di Foggia (oggi, 15 aprile)

In merito al terremoto a Cerignola da 3.1 ML Il Mattino ha parlato di paura tra la gente. Sono state numerose le segnalazioni arrivate alle forze dell’ordine con anche i vigili del fuoco che sono stati preallarmati per evitare ulteriori problemi. Ci troviamo infatti in una zona rurale dove una scossa di terremoto può provocare anche paura per eventuali frane o smottamenti. Nella giornata di oggi, 15 aprile 2019, vanno segnalate altre due scosse di terremoto. La prima si è verificata alle ore 5.03 a 2 km da Cetona in provincia di Siracusa da 2.5 ML. Ecco i comuni nel raggio di 20 km dall’epicentro: Cetona (SI); Sarteano (SI); Chiusi (SI); Città della Pieve (PG); Chianciano Terme (SI); San Casciano dei Bagni (SI); Monteleone d’Orvieto (TR); Paciano (PG); Piegaro (PG); Fabro (TR); Radicofani (SI); Montegabbione (TR); Panicale (PG); Montepulciano (SI); Allerona (TR); Parrano (TR) e Ficulle (TR).

La seconda invece si è sviluppata a Roccavaldina in provincia di Messina da 2.2 ML attorno alle ore 17.03. Ecco i comuni nel raggio di 20 km dall’epicentro: Valdina (ME); Torregrotta (ME); Monforte San Giorgio (ME); San Pier Niceto (ME); Rometta (ME); Venetico (ME); Spadafora (ME); Condrò (ME); Saponara (ME); Gualtieri Sicaminò (ME); Pace del Mela (ME); Villafranca Tirrena (ME); San Filippo del Mela (ME); Santa Lucia del Mela (ME); Merì (ME); Milazzo (ME); Barcellona Pozzo di Gotto (ME); Messina (ME); Itala (ME); Scaletta Zanclea (ME); Castroreale (ME); Fiumedinisi (ME); Alì (ME); Terme Vigliatore (ME) e Rodì Milici (ME). Nessuna delle due scosse ha portato a problemi a cose o persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA