TERREMOTO CALABRIA/ Scosse a ripetizione di diversa magnitudo nel Pollino, provincia di Cosenza, oggi 2 ottobre

Molte scosse di terremoto nell’area del Pollino fra Calabria e Basilicata a partire da ieri sera fino a stamattina. La scossa più forte è stata di magnitudo 3.3 gradi della scala Richter

02.10.2012 - La Redazione
sismografo_r439
Sismografo (Foto:Infophoto2)

Scosse di terremoto in Calabria oggi 2 ottobre – Molte le scosse che si sono registrate a partire da ieri sera fino a stamattina nel Pollino, in Calabria, al confine con la Basilicata in provincia di Cosenza. Il Pollino è colpito da mesi da questo sciame sismico che non smette mai a cadenza ormai giornaliera. La scossa più forte ha raggiunto o 3.3 gradi della scala Richter, poi scosse minori copre fra i 2 e i 2.7 gradi. Alle 6 e 35 si è registrata infatti una scossa di tal magnitudo, mentre l’ultimo evento istmico identificato risale alle 9 e 34 di stamane con una magnitudo di 2.2 gradi. Nessun danno a edifici o perosne fortunatamente, anche se cresce l’inquietudine di una popolazione che ormai vive a cadenza quotidiana con più scosse al giorno questa situazione. Gli esperti dell’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia fanno sapere che la situazione è attentamente motorizzata e rappresenta la norma di un territorio particolarmente sismico. Ovviamente è anche impossibile determinare se si dovessero verificare scosse di maggiore magnitudo.  La scossa di stamane alle ore 6 e 35 ha avuto epicentro alle coordinate 39.905°N, 16.006°E e a una profondità di 8,1 chilometri, più o meno la zona di tutte le altre scosse. Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV nel distretto sismico: Pollino.  I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo. I comuni nell’acro di dieci chilometri dall’epicentro sono quelli di ROTONDA (PZ), LAINO, BORGO (CS), LAINO CASTELLO (CS), MORMANNO (CS). Quelli invece in un arco di venti chilometri sono i comuni di CASTELLUCCIO INFERIORE (PZ), CASTELLUCCIO SUPERIORE (PZ), EPISCOPIA (PZ), LATRONICO (PZ), SAN SEVERINO, LUCANO (PZ), VIGGIANELLO (PZ), AIETA (CS), LUNGRO (CS), MORANO CALABRO (CS), ORSOMARSO (CS), PAPASIDERO (CS), SAN BASILE (CS), SAN DONATO DI NINEA (CS), SANTA DOMENICA TALAO (CS), SARACENA (CS), VERBICARO (CS)

I dati relativi a ogni terremoto rilevato dalla rete INGV vengono rivisti successivamente da personale specializzato prima di essere inseriti nel Bollettino della sismicità italiana.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori