TERREMOTO EMILIA/ Radiohead: il concerto di Bologna spostato al Parco Nord per paura di scosse

- La Redazione

Il concerto dei Radiohead previsto il prossimo 3 luglio in Piazza maggiore a Bologna potrebbe essere trasferito al Parco Nord per paura di nuove scosse di terremoto

radiohead_R400
Foto Infophoto

Il terremoto mette paura anche alla musica rock. E’ il caso dell’attesissimo concerto del gruppo inglese dei Radiohead che il prossimo 3 luglio dovevano esibirsi nell’affascinante cornice di Piazza Maggiore a Bologna, e che adesso dovranno invece trasferirsi nella meno affascinante, ma probabilmente più sicura, cornice del parco Nord in periferia. La decisione ufficiale dello spostamento verrà presa domani, ma sembra che le autorità locali siano davvero intenzionate a metterla in atto. Il motivo? La paura di nuove forti scosse come quelle che si sono già verificate in passato e che possano ripetersi proprio la sera del concerto. Non è il solo momento musicale dell’estate che rischia un caso del genere: si sta infatti pensando di spostare anche la rassegna Ferrara sotto le stelle che si teneva abitualmente nella piazza centrale sotto al locale castello che ha già subito dei danni durante la prima scossa dello scorso 20 maggio. Gli Afterhours poi che si dovevano esibire a Bologna il prossimo 15 giugno hanno deciso di annullare la data per motivi di sicurezza, il concerto verrà recuperato il prossimo 22 luglio. Misure precauzionali ovviamente, ma che trovano una loro logica. A dirlo gli stessi organizzatori del concerto dei Radiohead: una forte scossa infatti anche se Bologna non è nell’area dei crolli, potrebbe gettare nel panico le migliaia di spettatori presenti o creare problemi al palcoscenico. Le conseguenze sarebbero molto preoccupanti, visto anche le vie di fuga molto ridotte che la piazza mette a disposizione. La notizia positiva è che lo spostamento al Parco Nord permetterebbe di mettere in vendita nuovi biglietti vista la maggiore capienza del posto. Per Piazza Maggiore erano già stati venduti ben 15mila biglietti. Dispiacerà anche ai Radiohead, che da tempo hanno fatto punto fisso dei loro concerti in Italia quello di potersi esibire in zone architettonicamente affascinanti, per sottolineare con una coreografia naturale la natura visionaria della loro musica, ma certamente capiranno anche loro le motivazioni dietro a un trasferimento che semrba ormai deciso al 99%.

I Radiohead sono uno dei gruppi rock più amati dai fan italiani della musica e anche se non hanno nessun nuovo disco da promuovere possono contare lo stesso su migliaia di partecipanti ai loro show.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori