LETTERA/ La forza di don Giussani? Cristo è una vita, non un’idea

- Aldo Brandirali

Dopo l’articolo di M. Borghesi su Giussani e la sua intuizione della fede come incontro, e la risposta di Giuseppe Zola, ALDO BRANDIRALI racconta la su conversione. Grazie a don Giussani

carron_giussani_R439
Immagine di archivio

Caro direttore,
il mio incontro con don Giussani è avvenuto come uscita dal ’68. Lui era particolarmente felice di condividere la drammatica crisi personale di uno che era stato fondatore del partito marxista-leninista, filocinese. Si fece incontro innanzitutto dimostrando che salvava la tensione morale e ideale che mi aveva motivato da rivoluzionario: questo mi permise di non rimanere vittima del fallimento, che mi spingeva a essere disilluso e realista fino al cinismo. La questione da comprendere fino in fondo è: cosa permetteva a Giussani una tale apertura umana?

Leggendo il libro di Savorana sulla vita di don Giussani mi è diventato più chiaro qual era il suo punto forza: Cristo vissuto come strada e non come posizione. La certezza stava nel seguire la strada, via, verità e vita, come dice di sé Cristo. Per questo in Giussani diventava comprensibile la Sua Presenza fra noi, il qui ed ora. Lo spettacolo nel leggere questo libro è vedere che Giussani cambia continuamente, senza cambiare le certezze, secondo l’idea del “già ma non ancora”. Giussani ha vissuto una permanente conversione, questo è il punto, conversione di comprensione ecumenica, per una umanità che cerca il suo compimento, e che per questo segue Cristo. 

Nei dieci anni di lotta che ho condotto come resistenza alla conversione Giussani mi è stato riferimento permanente, seguivo il segno pur non essendo d’accordo con la conseguenze culturali, e via via venivo convertito alla conseguenza ragionevole. Un tale percorso non mi sarebbe stato possibile senza quella peculiarità dell’apertura umana di Giussani. Soprattutto quello che mi prendeva veramente era la certezza che l’uomo con Cristo rinasce, per cui sentivo davvero il cristianesimo come la buona novella, la novità nel presente.

Ho fatto un grande guadagno, sono stato confermato in quello che il mio cuore voleva, essere libero, conseguente al mio desiderio. In particolare, dopo i dieci anni di resistenza alla conversione, dopo che mi sono inginocchiato in Chiesa, riprendendo a fare politica ho trovato la ragionevolezza di scelte libere, sono finito su posizioni opposte a quelle che avevo da rivoluzionario, ma semplicemente perché la libertà è diventata più significativa della lotta di classe, teoria astratta che non ha trovato riscontro nel reale. Ma il vero guadagno è che non avevo bisogno di sposare l’ideologia di destra dopo aver praticato l’ideologia di sinistra, semplicemente ho compreso che la politica non è il luogo dell’identità della persona.

Questa consapevolezza è diventata molto rischiosa nel far politica: alla fine anche i miei amici mi hanno isolato, perché non sopportavano le mie prese di posizione esterne allo schema di destra.

Eppure oggi i nodi della politica italiana passano dal definitivo superamento del secolo delle ideologie, stando attenti a non finire nella più opprimente ideologia del relativismo. Grazie a don Giussani si può ricostruire l’umano nella certezza della verità senza per questo farla diventare una idea politica dura e pura. Noi siamo pronti a dare tutte le ragioni comprensibili ad ogni uomo delle conseguenza del cristianesimo. E siamo altrettanto pronti a considerare l’altro una risorsa, fino a capire che alcune novità della politica italiana, pur non essendo una ripresa del partito dei cattolici, sono certamente novità positive. Anche il tentativo di Renzi come riformatore ha del buono, si tratta di vedere se farà quel che dice. 

La novità è presente anche nel movimento delle “sentinelle in piedi”, che difendono la famiglia naturale senza per questo praticare la “guerra santa”. La sentinella vuole solo dire che è nella sua vita e nella sua esperienza quello che difende. È una certezza aperta a tutta la necessità di comprensione che oggi ha ogni uomo, toccato dall’emergere di comportamenti che mettono in discussione le certezze.

Non basta il richiamo alla tradizione, questo è il punto controverso fra Borghesi e Zola, la tradizione è viva solo nel suo riprendersi. E’ dall’esperienza con Cristo qui ed ora che avviene le rigenerazione della tradizione viva, quella che veramente si gioca in ogni circostanza della vita.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori