Elena Faggi con “Che ne so”/ “È stato magico, nonostante l’eliminazione”

- Paolo Vites

Elena Faggi debutta al Festival di Sanremo 2021 nella categoria Nuove Proposte con il brano “Che ne so”, dopo l’esperienza a Italia’s Got Talent.

ElenaFaggi 640x300
Elena Faggi

Elena Faggi ha parlato nella mattinata di mercoledì 3 marzo 2021 a “Storie Italiane”, tornando sulla sua esibizione all’Ariston: “Ieri è stato magico, indipendentemente dal risultato io mi sono divertita e questo è stato molto importante”. La ragazza non si è qualificata al turno successivo della gara delle Nuove Proposte, superata da Folcast e Gaudiano. Il giornalista Paolo Giordano ha sottolineato che “è stata la prima in assoluto a interrompere l’emozione, dialogando con Fiorello e scherzando. Questo è una botta incredibile di adrenalina, è stata molto brava a gestire la situazione e l’emozione”. Complimenti poi sono arrivati non soltanto per il suo look, ma anche per la voce, nonostante Giordano abbia asserito che “nessuna delle quattro canzoni ascoltate ieri sera è pronta per decollare a livello radiofonico e scalare le classifiche”. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

Elena Faggi debutta a Sanremo con “Che ne so”

Esordio al Teatro Ariston per la giovanissima Elena Faggi e la prima è andata bene: nessuna incertezza dovuta all’emozione e alla tenera età. La performer di Forlì ha da poco compiuto 18 anni e si è trovata subito impegnata nell’Olimpo della musica italiana, riuscendo a portare a casa una buona esibizione.

Parlando di “Che ne so”, Elena Faggi ha raccontato: «Il brano parla di quella fase dell’innamoramento in cui non si sa se si è ricambiati, quando siamo soliti farci i nostri “film mentali” e viaggiare tra illusioni e dubbi. Ho scritto “Che ne so” poco prima delle settimane che hanno preceduto il lockdown di marzo 2020, nel periodo in cui la scuola era come in “pausa”, in attesa di capire come sarebbe cambiato tutto. Ho avuto più tempo per pensare, scrivere e ho raccontato una mia esperienza che penso alla fine possa riguardare tante persone». (Aggiornamento di MB)

Elena Faggi a Sanremo 2021 con “Che ne so”

Come succede ormai da anni, il Festival di Sanremo 2021 “pesca” i suoi concorrenti belli e pronti senza fare la fatica di cercarli in giro per l’Italia dai talent show come Amici e X Factor. È il caso di Elena Faggi, nativa di Forlì, solo 18 anni, che ha partecipato insieme al fratello Francesco a Italia’s Got Talent. Elena va ancora a scuola, quest’anno sosterrà gli esami di maturità, per cui è ancora poco il tempo che dedica alla musica, lei stessa ha dichiarato “di essere particolarmente in ansia, non solo perché dovrà esibirsi su uno dei palcoscenici più importanti d’Italia ma anche perché tutto ciò le sta portando via tempo per prepararsi al meglio per l’esame di stato che tra qualche mese l’attende”.

A Italia’s Got Talent fu l’allora giudice Luciana Littizzetto a spingere i due fratelli in finale ma non vinsero. In occasione del periodo di lockdown Elena e Francesco hanno collaborato in modo intenso riuscendo a sfornare tre brani ovvero “Come volo”, “Solo un brutto sogno” e “Il sole in un foglio”. Attualmente i due stanno procedendo ognuno per la propria strada, tuttavia non è da escludere che a breve possano collaborare e creare ciò che loro definiscono “featuring speciali”.

Elena Faggi: il debutto a Sanremo 2021 dopo X Factor

Al Festival di Sanremo 2021 nella categoria Nuove proposte, Elena Faggi  proporrà un brano da lei composto, Che ne so: “È un pezzo che ho scritto a fine febbraio del 2020, un periodo un po’ strano, quello prima del lockdown generale. Parla di quando inizia a piacerti una persona, ma non sai sei o meno di essere ricambiato. Alla fine, la canzone in sé è molto leggera, pur essendo semplice e orecchiabile riesce a lanciare un messaggio abbastanza condiviso“, ha raccontato al sito Recensione Musica. La voce di Elena è decisamente ancora immatura anche se riesce a raggiungere buone qualità espressive. La musica è composta con il fratello, il testo, decisamente adolescenziale, è scritto da lei. È una canzone ritmata ma allo stesso tempo soft, gradevole all’ascolto con vocalizzi vari che ricordano lo stile un po’ strampalato della prima Arisa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA