ENRICO PIAGGIO UN SOGNO ITALIANO, FICTION RAI1/ Storia di un imprenditore di successo

- Morgan K. Barraco

Enrico Piaggio – Un sogno italiano, il film per la tv in prima Tv su Rai 1 con Alessio Boni che interpreta il papà della Vespa

Enrico Piaggio - Un sogno italiano, Alessio Boni
Alessio Boni in 'Enrico Piaggio - Un sogno italiano'

Enrico Piaggio – Un sogno italiano, come si legge sul comunicato ufficiale è “la storia di un imprenditore di successo e di un’idea capace di rilanciare la vita economica e civile del Paese che, dopo la tragedia della guerra, vuole rialzare la testa e farsi riconoscere per le sue qualità”. Proprio così, il film per la tv con protagonista Alessio Boni è il ritratto di un imprenditore che, nonostante le mille difficoltà e la precarietà economica conseguente la seconda guerra mondiale decide di rischiare tutto pur di non far fallire la sua azienda e far perdere il lavoro a 12 mila operai. Una scelta importante che lo stesso Alessio Boni, che ha interpretato il personaggio di Enrico Piaggio, ha commentato così in conferenza stampa: “Dovremmo pensare più al “noi” e meno all'”io”. L’uomo è un animale sociale, ha bisogno dell’altro. Insieme, si creano energie potenti. Ora, si nascondono tutti dietro ad un computer. Cosa sarei io senza Ciufoli, Pannofino, la Pintore, gli sceneggiatori, il regista? Non sarei niente, questo progetto non esisterebbe… Sembra una battuta ma non lo è. Le persone che fanno tutto solamente per denaro, mi annoiano. Essere economicamente più forte dell’altro è una lotta inutile”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

La svolta con il film Vacanze Romane

Il sogno di Enrico Piaggio di realizzare la prima Vespa incontra non poche difficoltà. Il banchiere Rocchi-Battaglia, infatti, è pronto a tutto pur di mettergli i bastoni tra le ruote; cerca in tutti i modi di entrare in possesso della fabbrica di Pontedera arrivando perfino a colpire l’imprenditore nei suoi affetti: la moglie Paola e la figlia adottiva Antonella. Non solo, l’avido banchiere pur di far saltare il progetto della vespa di Enrico Piaggia si mette in contatto con Livia, ex fidanzata dell’imprenditore. Il piano di Rocchi-Battaglia però è destinato a crollare, visto che presso l’ufficio di Piaggio arriva una nuova impiegata. Si tratta di Susanna detta Suso, che contribuirà non poco al successo della Vespa Piaggio visto che sarà proprio lei, su consiglio di Enrico Piaggio, a rintracciare il regista William Wyler arrivato in Italia a Roma per le riprese del film “Vacanze Romane” con Gregory Peck e Audrey Hepburn. L’impiegata incontra il regista per chiedergli di utilizzare la vespa nella pellicola “Vacanze Romane” (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Enrico Piaggio – Un sogno italiano: il progetto della Vespa

Il sogno italiano di Enrico Piaggio di realizzare un mezzo di trasporto di piccole dimensioni è il punto di partenza della film per la tv con protagonista Alessio Boni chiamato ad interpretato il grande imprenditore italiano. Enrico per concretizzare il suo sogno contatta l’ingegnere Corradino D’Ascanio, un progettista con tantissimi anni di esperienza nel settore aeronautico; esperienze che il geniale ingegnere mette focalizza per realizzare l’idea di scooter di Enrico Piaggio. “Ho cercato di rappresentare la parte privata di Piaggio, i sentimenti, le fragilità di un uomo all’apparenza duro e scabro. L’amore per la donna della sua vita, l’adozione della figlia di lei, i rapporti con i dipendenti” ha detto il regista Umberto Martino a cui ha fatto ecco il protagonista Boni che in conferenza stampa ha detto: “La Vespa è una cosa che ha accomunato tutti noi, dagli attori ai macchinisti. Tutti mi chiedevano di parlare di questa storia, com’è nata la Vespa…”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Enrico Piaggio – Un sogno italiano: La fabbrica di Pontedera in macerie

Enrico Piaggio – Un sogno italiano” è il film evento dedicato alla vita del papà della Vespa. Una storia italiana che prende il via dal 1945, un anno davvero difficile per la fabbrica di Pontedera che è finita in macerie. Enrico Piaggio si ritrova così in una situazione davvero tragica: la fabbrica rasa al suolo e 12 mila operai che rischiano di perdere il lavoro e finire in maceria. L’imprenditore decide di rischiare il tutto per tutto pur di salvare la sua azienda e i suoi operai così decide di puntare su un nuovo progetto. L’idea è innovativa, Enrico vuole creare un mezzo di trasporto differente dalla macchina e di piccole dimensioni. L’idea di Piaggio è quello di realizzare un mezzo agile, ma al tempo stesso economico con cui vuole rilanciare l’economia di un’Italia post guerra. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

“Abbiamo nostalgia di uomini così”

C’è grande attesa da parte del pubblico di Rai1 per il film dedicato alla storia di Enrico Piaggio. Prodotto da Rai Fiction e Movieheart, con la regia di Umberto Marino, Enrico Piaggio Un Sogno Italiano è un film Tv in onda oggi 12 novembre, in prima serata che vede Alessio Boni nei panni del protagonista. Un uomo che funge da esempio importante, anche per i più giovani. Lo sottolinea proprio l’attore nel corso di in un’intervista in cui tiene a raccontare l’influenza che Piaggio ha avuto e potrebbe avere. “Anche noi magari i più giovani chissà, come Piaggio, potremmo avere delle idee in grado di cambiare le sorti della nostra Italia . – ha ammesso l’attore – Abbiamo un po’ di nostalgia nei confronti di questi italiani, penso a Olivetti, Ferrero, e altri italiani tra i più influenti nel mondo. Ma oggi dovremmo pensare più al noi e meno all’ io.” ha concluso. (Aggiornamento di Anna Montesano)

ENRICO PIAGGIO – UN SOGNO ITALIANO SU RAI1

Enrico Piaggio – Un sogno italiano è un film per la televisione diretto da Umberto Marino. Si tratta di una di quelle monografie su alcuni personaggi importanti della nostra epoca e non. Queste interpretazioni, come accaduto già in passato, ci aiutano a ragionare su periodi storici che hanno cambiato il volto della nostra Italia. In questo caso ovviamente il riferimento è a quello che viene considerato il “miracolo italiano”, in grado di rilanciare nel secondo dopoguerra l’economia e la civiltà del nostro paese. Ovviamente si tratta di una pellicola maggiormente adatta a un pubblico adulto e che creerà delle belle emozioni a quelli che hanno avuto la possibilità di vivere in prima persona momenti importanti della storia del nostro paese come l’avvento della celebre Vespa. Enrico Piaggio – Un sogno italiano è l’evento della serata di oggi, in onda su Rai 1 a partire dalle 21.25, clicca qui per seguirlo in diretta streaming grazie a RaiPlay. (agg. di Matteo Fantozzi)

BONI “ERA UN AUTENTICO VISIONARIO”

Alessio Boni torna ad essere un volto di punta della fiction Rai. Dopo La strada di Casa, l’attore presta il suo volto a Enrico Piaggio, papà della Vespa. Un personaggio che Boni ha trovato di certo stimolante quanto complicato: “Era un autentico visionario, un pioniere – ha ammesso, come riporta l’Ansa – Comprende che la gente, siamo nel 1945, ha bisogno di muoversi, si inventa la Vespa pensando per prima alle donne e ai preti che hanno l’abito talare. Poi si inventa le rate per il pagamento.” L’attore continua: “Quindi convince i produttori e il regista di Vacanze Romane con protagonisti Gregory Peck e Audrey Hepburn, e che secondo i piani avrebbero dovuto spostarsi per Roma su un calessino, ad utilizzare la sua Vespa. E fu subito successo in America e nel mondo”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

NON SOLO ALESSIO BONI NEL CAST

In Enrico Piaggio, Un sogno italiano non sarà solo Alessio Boni a brillare per la sua genialità. Secondo quanto avvenuto nella vera storia dell’imprenditore italiano, Corradino D’Ascanio, che vedremo con il volto di Francesco Pannofino, si ritroverà a regalare il suo genio all’azienda per ben due volte. La prima occasione precede gli eventi narrati nel film e riguardano gli anni Trenta, quando la crisi internazionale inizierà a farsi sentire anche sulla produzione aeronautica delle attività di Rinaldo Piaggio. D’Ascanio, noto inventore e progettista, precorrerà i tempi e inventerà delle eliche a passo variabile che gli permetteranno di realizzare dei prototipi dell’elicottero. La narrazione ruota inoltre attorno agli eventi avvenuti in seguito al grave ferimento di Enrico, che nel ’43 verrà preso di mira da un ufficiale della Repubblica di Salò. Verrà raggiunto da un proiettile, sottolinea l’archivio S.A.N. (Sistema Archivisto Nazionale): la sua colpa è di non essersi alzato in piedi per omaggiare il generale Rodolfo Graziani, in quel momento in radio per fare un discorso contro gli alleati.

ALESSIO BONI: “DI LUI MI PIACE…”

Andrà in onda oggi, martedì 12 novembre 2019, su Rai1 il film Enrico Piaggio – Un sogno italiano, che vede nei panni del protagonista Alessio Boni. Dopo il successo ottenuto con la fiction La strada di casa, Boni torna nei panni di un personaggio forte e di carattere. Ed è proprio l’attore, in un’intervista pubblicata sulle pagine del numero del settimanale TelePiù, a raccontare cosa l’ha più colpito di quest’uomo. “Di questo personaggio mi è piaciuto il fatto che non abbia mai pensato a quelli come lui. – ammette Alessio Boni, che ancora spiega – Avrebbe potuto fabbricare macchine di lusso, invece ha pensato alle donne, ai preti e a tutte le persone umili che dovevano rimboccarsi le maniche e muoversi per le strade strette di quell’epoca…“. Poi conclude: “Enrico era molto determinato, ma anche timido e schivo”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

ENRICO PIAGGIO – UN SOGNO ITALIANO: ALESSIO BONI PROTAGONISTA

Una storia italiana, di un’imprenditoria che secondo Alessio Boni non c’è più, almeno non in modo diffuso, tutto questo è al centro di Enrico Piaggio – Un sogno Italiano che andrà in onda questa sera su Rai1 riportando l’attore in prima serata al martedì dopo il successo de La Strada di Casa 2. Alessio Boni è pronto a calarsi nei panni del noto imprenditore che ha inventato la Vespa in un mondo in cui gli italiani avevano chiuso con la guerra e, adesso, iniziavano la loro vita in un periodo di crisi economica: “Gli italiani devono andare a lavorare, non sono più in guerra”, spiega Piaggio nel promo del film tv di Rai1, e lo stesso Boni, dopo aver ammesso di ammirare l’imprenditore e di dirsi un vespista, ha poi rilanciato in conferenza stampa: “Abbiamo un po’ di nostalgia nei confronti di questi italiani… 30 anni fa, uno che falliva, si suicidava… Oggi, uno che fallisce, se ne va in giro tranquillamente senza ritegno… Dovremmo pensare più al “noi” e meno all'”io”. Gli italiani avranno modo di riflettere con la messa in onda di Enrico Piaggio – Un sogno italiano? Clicca qui per vedere il promo del film. (Hedda Hopper)

ENRICO PIAGGIO – UN SOGNO ITALIANO: IL FILM

Enrico Piaggio – Un sogno italiano è la fiction che Rai 1 trasmetterà nella sua prima serata di oggi, martedì 12 novembre 2019. Andrà in onda dalle 21.25 circa ed è diretto da Umberto Marino. L’attore Alessio Boni riveste invece il ruolo di protagonista, interpretando il famoso imprenditore che nel post Seconda Guerra Mondiale ha inventato la Vespa e regalato un sogno a tutti gli abitanti dello Stivale. Al suo fianco ci saranno alcuni volti noti del piccolo e grande schermo, come Violante Placido, Roberto Ciufoli e Francesco Pannofino, ma anche Enrica Pintore, Moisè Curia e Beatrice Grannò, quest’ultima nel ruolo di Suso Cecchi D’amico che collaborò alla stesura di uno dei film che daranno visibilità alla Vespa, Vacanze Romane. Nello specifico, la Pintone sarà Paola, la moglie di Piaggio, mentre Ciufoli interpreterà Corradino D’Ascanio, il genio progettista a cui l’imprenditore si rivolgerà per realizzare il suo rivoluzionario mezzo. Pannofino invece indosserà i panni di un uomo crudele, un banchiere senza alcuno scrupolo.

ANTICIPAZIONI ENRICO PIAGGIO – UN SOGNO ITALIANO, FICTION RAI 1: LA TRAMA

La trama di Enrico Piaggio – Un sogno italiano ci porta indietro fino al 1945, in una Pontedera messa in ginocchio dalle conseguenze della guerra. La depressione ha preso possesso di cittadini e imprenditori, che cercano di affrontare la profonda crisi economica. La fabbrica di Rinaldo Piaggio si trova in quel momento in difficoltà, produrre aerei è diventato ancora più difficile e il titolare cerca in ogni modo di trovare una soluzione per aiutare le famiglie di tutti i suoi dipendenti, nella speranza che non debbano perdere il lavoro. Uno spiraglio di luce si inizierà ad intravvedere quando il figlio dell’imprenditore, Enrico Piaggio, sceglierà di farsi avanti per primo per riuscire a superare la crisi. Determinato come non mai, la lotta inizierà prima di tutto nella sua mente. Piaggio infatti ha un’idea: creare un mezzo di trasporto veloce e comoco, dalle dimensioni ridotte e che sia in grado di muoversi in modo agile fra il traffico. Rocchi – Battaglia però gli sta con il fiato sul collo: vuole prendere possesso della sua azienda. Enrico non molla ed è sicuro che la sua Vespa diventerà il simbolo della rinascita della sua attività. Scopre inoltre che William Wyler ha scelto Roma per girare il suo ultimo lavoro, il film Vacanze Romane. Paggio entra in contatto con il regista e in qualche modo lo convince che il mezzo di sua invenzione può diventare una specie di carrozza di Cenerentola, facendo sì che i due protagonisti visitino le strade della Capitale a bordo della sua Vespa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA