PARIGI E BATACLAN/ Farouq: attentati dell’Isis al “cuore” che accomuna musulmani e cristiani

- int. Wael Farouq

Per WAEL FAROUQ, il vero nemico dell’Isis è quella zona grigia della società dove non esistono categorie nette, ma soltanto delle persone con il loro desiderio di bellezza e felicità

francia_bambino_attentato1R439
Infophoto

Non è affatto un caso che gli attentati di Parigi abbiano colpito un teatro e uno stadio, cioè due luoghi dove la gente si incontra. Il vero nemico dell’Isis infatti è quella ‘zona grigia’ della società dove non esistono categorie nette, ma soltanto delle persone con il loro desiderio di bellezza e felicità”. Ad affermarlo è Wael Farouq, professore egiziano dell’Università Cattolica di Milano e dell’American University del Cairo. Dopo l’attentato di venerdì notte che ha provocato 129 vittime, ieri ci sono stati dei falsi allarmi nelle strade di Parigi. Papa Francesco all’Angelus ha detto: “Utilizzare il nome di Dio per giustificare questa strada (della violenza e dell’odio, Ndr) è una bestemmia”.

Professor Farouq, partiamo dalle parole del Papa …

Le parole del Papa sono del tutto condivisibili, e nessuno può fornire una giustificazione di alcun tipo per quanto è avvenuto a Parigi.

In molti si chiedono se l’Isis rappresenti il vero Islam …

Il punto è che non esiste né un vero Islam né un falso Islam. Ci sono soltanto i musulmani, che devono essere giudicati sulla base delle loro azioni e non della loro religione. Se giudichiamo una religione sulla base delle azioni di alcuni musulmani, facciamo esattamente ciò che sta compiendo l’Isis: cercare di dividere il mondo in due campi, da un lato i buoni e dall’altra i cattivi. Ricercare la fonte di questo male e di questa violenza nella religione di un quarto della popolazione mondiale, mettendo sotto inquisizione ogni musulmano, sostenendo, al tempo stesso, che i Fratelli Musulmani siano dei democratici, che Jabhat al-Nusra in Siria siano dei moderati ed eleggendo l’Arabia Saudita al Consiglio per i diritti umani, produce il risultato di perseguitare l’islam e dare il beneplacito agli islamisti. Ma il problema sono proprio gli islamisti e l’islam politico.

Come valuta la reazione della Francia a quanto è avvenuto?

Abbiamo assistito a due reazioni opposte. Il presidente Hollande ha chiuso le frontiere mentre la gente di Parigi ha aperto le porte di casa a tutti. La giusta risposta al terrore è l’accoglienza dei francesi che hanno scelto di rifiutare la paura e aprire le porte agli stranieri. E questa la cosa da fare, e non rispondere al male con il male, cercare di giustificarlo o metterlo in relazione con determinate regioni o gruppi sociali.

L’Isis ha un progetto o vuole solo uccidere il maggior numero di persone possibili?

La tragedia di Parigi documenta che l’Isis vuole distruggere gli spazi di convivenza. Ricordo che il primo atto dell’Isis è stato invitare tutti i musulmani del Medio Oriente ad andare a vivere nei suoi territori. L’obiettivo è eliminare quegli ambiti in cui musulmani e cristiani, atei ed ebrei, insomma tutte le persone del mondo possono vivere insieme in armonia. Lo documenta il semplice fatto che i terroristi distruggano musei e monumenti, perché la bellezza è ciò che unisce tutti i cuori umani. Il loro nemico è la bellezza in quanto tale.

Che cosa deve fare l’Occidente per combattere l’Isis?

Le politiche europee oggi sono incapaci di fronteggiare l’Isis, ma la gente che vive in Europa è in grado di farlo: lo strumento è proprio l’accoglienza di cui parlavo prima. Invece chi demonizza le differenze tra religioni e culture di fatto contribuisce agli sforzi dell’Isis di dividere il mondo. L’Isis vuole distruggere la cosiddetta “zona grigia”, cioè quegli ambiti dove non si può sapere chi sia musulmano o meno.

In che senso parla di “zona grigia”?

La “zona grigia” è quella in cui io, in quanto musulmano, condivido con i cristiani europei i valori, la gioia e la felicità. Non è un caso che i kamikaze abbiano scelto un teatro e uno stadio, due luoghi dove non è possibile distinguere chi sia o meno musulmano. Il nostro compito è diventare quella stessa “zona grigia” che loro vogliono distruggere.

 

Perché il jihadismo sembra provenire sempre dall’Islam sunnita e mai da quello sciita?

In questo momento non dovremmo guardare alle differenze tra sciiti e sunniti, cristiani e musulmani, ma a ciò che li accomuna. Mi riferisco alla persona umana e al suo desiderio di bellezza e felicità, degli elementi che sono comuni a tutte le religioni. Molti dei musulmani che abitano in Europa, tanto sunniti quanto sciiti, vivono in modo armonioso con le persone delle altre religioni, mentre i terroristi rappresentano la minoranza. Dobbiamo guardare a questa realtà, e non andare in cerca di una teoria.

 

Chi sono secondo lei i musulmani moderati?

Le rispondo con un paradosso. Pochi anni fa Al Qaeda era considerata estremista, mentre oggi si ritiene che in Siria rappresenti una fazione moderata. Insomma i cosiddetti “islamici moderati” sono un concetto molto relativo e che cambia con il tempo. Il dato di fatto è un altro.

 

Quale?

Esistono milioni di musulmani che hanno un’interpretazione del Corano completamente diversa da quella dell’Isis, e che hanno stili di vita che non sono in conflitto con i valori europei.

 

L’Isis ha giustificato gli attentati affermando di essere vittima dell’imperialismo occidentale. E’ davvero così?

No, l’Isis non è una vittima. Le potenze europee hanno contribuito in un modo o nell’altro a rafforzare l’Isis, e del resto lo Stato Islamico e l’Islam radicale sono stati armati soprattutto dagli Stati Uniti. Anche se nella società e nella storia islamica questa tendenza è sempre stata presente. Il dato di fatto che ci tengo a ribadire però è che gli attentati dell’Isis non vanno a colpire l’Occidente in quanto tale, bensì la “zona grigia” di cui parlavo prima.

 

(Pietro Vernizzi)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori