TRUMP SEPARA MADRI E FIGLI/ Clandestini negli Usa: il piano per dissuaderli. Ed è subito polemica…(4 marzo)

- La Redazione

Trump separa madri e figli: il nuovo piano del Presidente degli Stati Uniti d’America per scoraggiare l’ingresso dei clandestini nel Paese fa già discutere. I contorni della proposta.

america_trump_protestaR439
Proteste anti-Trump dopo il voto (La Presse)

Il presidente Donald Trump ha in mente un nuovo piano per ridurre l’ingresso dei clandestini negli Stati Uniti: separare le madri dai propri figli. Come riportato dall’Abc, che cita fonti dell’Homeland Security, l’ultima idea del tycoon newyorchese sarebbe quella di scoraggiare in partenza gli immigrati che tentano di accedere irregolarmente negli States, promettendo l’arresto del genitore e l’affidamento ai servizi sociali della prole in attesa di un pronunciamento del dipartimento chiamato a decidere tra il rimpatrio o la possibilità di presentare domanda d’asilo. Secondo la Reuters, se il Dipartimento alla sicurezza nazionale che sta vagliando la proposta dovesse dare il suo via libera, a vedere la fine sarebbe il cosiddetto “catch e release”, la pratica che prevede l’arresto e l’immediato rilascio dei clandestini più volte criticato da Trump. Dopo le misure restrittive nei confronti degli immigrati (muslim-ban su tutti) e le promesse di costruire un muro al confine col Messico, l’ultima pensata del Presidente degli Stati Uniti ha fatto tornare sul piede di guerra tutte le associazioni a tutela dei diritti civili. Christina Fialho, direttore esecutivo delle Community Initiatives for Visiting Immigrants in Confinement sentita da BuzzFeed News, ha chiarito:”Separare le madri che cercano asilo politico dai loro figli viola i loro diritti (garantiti) dal Quinto Emendamento della Costituzione”. Da parte sua il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale ha già difeso la sua proposta attraverso un comunicato nel quale ha spiegato:”Il viaggio verso Nord presenta troppe situazioni pericolose per i bambini – portati da genitori, parenti o trafficanti- che sono spesso sfruttati, abusati e possono anche morire. Con la sicurezza in testa, il dipartimento per la Sicurezza Interna esplora continuamente le opzioni che possono scoraggiare costoro da anche solo a intraprendere il viaggio”. La sensazione, però, è che neanche le buone intenzioni dell’Homeland Security eviteranno la pioggia di ricorsi contro l’ultimo piano anti-clandestini del presidente Trump.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori