Passeggero “troppo puzzolente”, atterraggio d’emergenza/ Aereo disinfettato prima del reimbarco

- Matteo Fantozzi

Passeggero puzza, aereo atterra d’emergenza: il cattivo odore provoca malori tra i passeggeri e il capitano è costretto a atterrare sulla tratta che portava dalle Canarie ad Amsterdam.

aereo_pixabay
Insulti sessisti sul volo Blue Air Torino-Bari (Pixabay)

Dopo il caso “flatulenza” che ha portato ad un atterraggio di emergenza in Austria, la compagnia aerea Transavia ha dovuto fare i conti con un passeggero che puzza troppo. Quella che sembrava una fake news si è rivelata invece una notizia vera. Dopo il decollo dalle Isole Canarie gli assistenti di volo hanno cominciato a registrare episodi di malessere da parte di alcuni passeggeri, riuscendo a risalire subito al problema. Da qui la decisione di atterrare in Portogallo. Stando a quanto ricostruito dal sito AirLive, hostess e steward hanno isolato il passeggero che non si lavava da giorni nella toilette, in quarantena. L’aereo è stato evacuato dopo l’atterraggio, poi è stato ventilato, pulito e disinfettato prima che i passeggeri potessero reimbarcarsi per arrivare a destinazione, Amsterdam, peraltro con tre ore di ritardo. Il passeggero che ha creato il caos invece è rimasto a terra. (agg. di Silvana Palazzo)

PASSEGGERO “MALEODORANTE” IN VOLO

La storia dell’aereo atterrato d’emergenza per la presenza di un passeggero che puzzava troppo ha fatto il giro del web e sembra davvero una fake news, ma a tutto c’è una spiegazione. Qual è il vero motivo per il quale la situazione è degenerata in questo modo? L’enorme cattivo odore ha fatto pensare probabilmente a una possibile infezione che avrebbe creato una situazione di emergenza e magari di quarantena. Un’eventuale infezione avrebbe infatti potuto creare un problema difficile da debellare con tante persone che in quell’eventualità si sarebbero trovare in difficoltà. Se davvero fosse questo la scelta di atterrare così rapidamente avrebbe una spiegazione logica. Staremo a vedere se usciranno delle risposte ufficiali legate magari proprio alla compagnia aerea. Nei prossimi giorni dovrebbero sicuramente arrivare dei ravvedimenti importanti che ci porteranno a capire a pieno quello che è accaduto. (agg. di Matteo Fantozzi)

ATTERRAGGIO D’EMERGENZA

Il passeggero belga Piet van Haut è il testimone di quanto accaduto sul volo Transavia HV5666 e ha parlato come riportato da Il Giornale nella sua versione online: “L’odore all’interno dell’aereo era insopportabile. Era come se il passeggero non si fosse lavato per diverse settimane. Diversi passeggeri si sono ammalati e hanno dovuto vomitare”. Una storia piuttosto particolare che descrive nei dettagli Arlive.net. Il capitano è dovuto intervenire e ha predisposto l’aeroplano a un atterraggio d’emergenza nei pressi di Faro, in Portogallo, cambiando addirittura rotta. Il passeggero è stato quindi allontanato e non sappiamo cosa accadrà ora. E’ una storia che sicuramente ha dell’incredibile e lascia senza parole, ma che non appartiene alla categoria delle fake news come qualcuno potrebbe pensare.

SULLA TRATTA DALLE CANARIE AD AMSTERDAM

Sulla tratta tra le Canarie e Amsterdam è accaduto qualcosa che ha dell’incredibile, infatti un aereo è stato costretto all’atterraggio d’emergenza perché un passeggero puzzava troppo e questo aveva causato il malore tra diversi dei passeggeri. Il volo era un Transavia HV5666 e l’uomo era stato segnalato da diversi passeggeri ai membri dell’equipaggio. Questo è stato spostato poi in bagno in modo che nessuno si potesse più lamentare, una scelta un po’ particolare che lo metteva in una sorta di quarantena. Pare infatti che molte persone siano state addirittura colpite da conati di vomito, in uno stato di malessere generale che ha costretto a intervenire addirittura il capitano dell’aereo pronto a prendere una decisione piuttosto insolita e particolare cioè quella di un atterraggio d’emergenza per evitare che si potessero sommare altri problemi lungo il tragitto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori